Giuliano Pisapia: «Blocchiamo gli aiuti di stato a chi evade nei paradisi fiscali!»

Una ragionevole proposta, già applicata in Danimarca.

Giuliano Pisapia, avvocato, europarlamentare, già sindaco di Milano, ha lanciato dalla sua pagina Facebook una proposta che volentieri rilanciamo. Di seguito il testo.

Blocchiamo gli aiuti di stato a chi evade nei paradisi fiscali!

«Mentre in Italia il dibattito pubblico si concentra su MES ed Eurobond, nonostante manchi ancora oggi una proposta concreta, dalla Danimarca giunge una lezione che potremmo subito applicare. Il paese scandinavo ha infatti deciso di escludere le società con sedi nei paradisi fiscali dai fondi pubblici destinati al sostegno alle imprese per fronteggiare la crisi economica provocata dal COVID-19.

La logica è chiara e lineare: perché utilizzare i soldi dei contribuenti per aiutare chi, tramite l’evasione, ha indebolito il sistema sanitario nazionale?

La spesa pubblica è un bene comune, ma affinché sia sostenibile è necessario che ognuno proporzionalmente faccia la sua parte.

I paradisi fiscali, a cui si applica la misura, purtroppo sono solo quelli extra-UE, ma in mancanza di una fiscalità comune, quello lanciato dalla Danimarca è un segnale importante.

Nel provvedimento approvato ieri da Copenaghen è stato inoltre proibito alle aziende che beneficiano degli aiuti di Stato di pagare i dividendi agli azionisti a meno di non ripagare prima il debito accumulato nei confronti dei contribuenti.

Come si vede “volere è potere”. Copenaghen ha aperto una strada che anche il nostro Paese può seguire. Subito.

È un segnale importante perché in un periodo difficile come quello che stiamo vivendo le diseguaglianze e le iniquità diventano ancora di più intollerabili.

In particolare da parte dei furbi che trasferiscono la propria sede legale in qualche paradiso fiscale.»

Leggi anche:
Yunus: un’altra economia è necessaria
Gaël Giraud: “Il ritorno dello Stato Sociale”

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Potrebbe interessarti anche

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy