L'aridocoltura in Salento per risparmiare acqua

Gli agricoltori nel Salento che hanno deciso di coltivare utilizzando meno acqua possibile

Le buone pratiche ambientali vengono dal passato

Due generazioni di agricoltori pugliesi mi hanno raccontato come si fa a coltivare senza irrigare. E come spesso accade, le buone pratiche ambientali vengono dal passato.

In un momento storico cruciale, in cui i cambiamenti climatici non possono più essere ignorati, ogni azione che sostiene l’ambiente va valorizzata e conosciuta meglio. Da quando ci siamo ‘svegliati dal torpore’ – forse ancora non abbastanza – ogni giorno veniamo bombardati da consigli e pratiche per diminuire il nostro impatto sull’ambiente, vediamo addirittura comparire strani piatti realizzati con foglie sulle nostre home di Facebook e Instagram. Ma, se alcune pratiche a favore dell’ambiente, si basassero sul solo recupero di antiche tecniche dimenticate nel corso dei decenni? È il caso dell’aridocoltura.

L’aridocoltura è una tecnica recuperata, il Salento è una regione priva di corsi d’acqua. C’è acqua, ma è tutta sotterranea. Oggi ci sono i pozzi, ma un tempo bisognava centellinare ogni litro d’acqua, per esempio la stessa bacinella d’acqua in cui si lavavano 5 persone, veniva poi riutilizzata per irrigare i campi.

Continua a leggere su VICE.COM

Immagine congerdesign Pixabay

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!