Gli allevamenti intensivi in Ue inquinano più di auto e furgoni messi insieme

Greenpeace: gli allevamenti intensivi in Ue inquinano più di auto e furgoni

Riduciamo gli allevamenti intensivi per il bene di persone, animali e ambiente

Che gli allevamenti intensivi facciano male alla salute di animali, persone e pianeta è ormai risaputo.

Ma una recente indagine di Greenpeace ha messo in luce un aspetto ancora più preoccupante connesso a questi luoghi macabri, in cui non hanno soltanto origine malattie trasmissibili agli uomini ma anche torture a danno di esseri viventi innocenti: le emissioni di gas serra degli allevamenti intensivi rappresenterebbero il 17% delle emissioni totali dell’Ue, più di quelle di tutte le automobili e i furgoni in circolazione messi insieme.

Il settore zootecnico, quindi la produzione intensiva di carne e latticini, alimenta l’emergenza climatica, contribuendo in maniera rilevante all’innalzamento delle temperature globali e, di conseguenza, allo stravolgimento di tutti gli ecosistemi.

Ma non solo: la continua ricerca di terreni nei quali edificare allevamenti intensivi favorisce la deforestazione e crea danni rilevanti a scapito della salute globale; come si legge nel report, infatti, “il 31% delle epidemie di malattie emergenti sono legate al cambiamento nell’uso del suolo – tra queste HIV, Ebola e Zika – collegati all’invasione umana nelle foreste pluviali tropicali. Si stima inoltre che il 73% di tutte le malattie infettive emergenti provenga da animali e che gli animali allevati trasmettano agli esseri umani un gran numero di virus, come i coronavirus e i virus dell’influenza. Inoltre l’eccessivo consumo di carne e latticini aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, alcuni tipi di cancro e diabete di tipo II.”

Solo in Italia, infatti, “la produzione intensiva di carne e latticini è la seconda causa formazione di polveri sottili – a causa delle relative emissioni di ammoniaca”.

I numeri delle emissioni in Europa

Secondo il report, tra il 2007 e il 2018, le emissioni generate dagli allevamenti intensivi nell’Unione europea sono aumentate del 6%. Tale aumento equivale ad aggiungere 8,4 milioni di auto sulle strade europee. I numeri sono allucinanti.

A ciò si addiziona un aumento della deforestazione per lasciare spazio alla costruzione degli allevamenti: si stima che a oggi circa il 71% di tutti i terreni agricoli nell’Ue sia dedicato all’alimentazione del bestiame. La distribuzione degli allevamenti non è equamente distribuita su tutto il territorio europeo, con Francia, Spagna, Italia, Germania e Regno Unito che si posizionano nella top list dei produttori di carne e latticini.

Se andremo avanti di questo passo, difficilmente riusciremo a costruire un’Europa più green e sostenibile e a rispettare gli obiettivi prefissati durante gli Accordi di Parigi sul clima, mantenendo l’aumento medio della temperatura mondiale ben al di sotto di 2°C rispetto ai livelli preindustriali, cioè dimezzare le emissioni globali di gas a effetto serra entro il 2030.

Soltando riducendo il consumo di carne e latticini, cambiando abitudini alimentari e favorendo lo sviluppo di un’agricoltura sostenibile e su piccola scala, potremo dare un contributo efficace nella lotta ai cambiamenti climatici.

Nel nostro piccolo, potremmo tentare di mangiare meno carne e latticini provenienti dagli allevamenti intensivi, sostenendo i nostri produttori di fiducia e acquistando prodotti biologici e a Km 0. Questi sono semplici passi per un’economia più verde, sostenibile ed equa, che fa bene agli animali, alle persone e all’ambiente. Il cambiamento inizia dal basso.

Leggi anche:
Origine del Covid-19: Perché le relazioni uomo-animale devono cambiare
Basta fondi pubblici agli allevamenti intensivi: la denuncia di Greenpeace
Covid-19, visoni contagiati in allevamenti olandesi

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Potrebbe interessarti anche

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy