Google adesso misura lo smog della tua città

Da oggi anche in Europa una stima accurata di emissioni di CO2 di alcune città. Per le altre, si può fare richiesta

Il nuovo tool messo a punto da Google con lo scopo di aiutare le città a misurare i livelli di inquinamento ed emissioni di CO2, già lanciato un anno fa negli Stati Uniti, sbarca in Europa a Birmingham, Manchester, Wolverhampton, Coventry, Dublino e Copenaghen.

Si tratta dell’Environmental Insights Explorer (EIE), creato in collaborazione con il Patto globale dei sindaci per il clima e l’energia, in grado di elaborare i dati delle emissioni delle città rispetto a edifici, mezzi di trasporto, emissioni generali e potenziale solare ed energetico dell’area.

Di fatto, attraverso i dati di Google Maps, EIE è in grado di capire la destinazione degli edifici (case o imprese) e stimare sia la quantità di energia utilizzata sia le emissioni di tale energia. Sempre da Google Maps, lo strumento fotografa il traffico e le modalità di viaggio e quindi fornisce una stima delle relative emissioni. L’obiettivo è di aiutare le città a vedere concretamente che tipo di azioni e cambiamenti sarebbero necessari per ridurre le emissioni, come la creazione di più piste ciclabili o l’installazione di pannelli solari sugli edifici.

Amanda Eichel, Direttore Esecutivo del Patto globale dei sindaci per il clima e l’energia, ha dichiarato: “Riteniamo che l’EIE possa servire come primo passo fondamentale per i team di sostenibilità delle città per valutare meglio la loro situazione attuale e monitorare in modo più efficiente i loro progressi nel raggiungimento degli obiettivi di protezione del clima”. Nelle prossime settimane l’obiettivo è di arrivare anche in altre città di altri continenti, vista la semplicità con cui qualsiasi città può candidarsi direttamente tramite un modulo online

Photo by Thomas Millot on Unsplash

Caterina Conserva

Caterina Conserva

Giornalista con la passione per l'ecologia, i libri e le lunghe camminate in giro per il mondo

Caterina Conserva

Caterina Conserva

Giornalista con la passione per l'ecologia, i libri e le lunghe camminate in giro per il mondo