Grazie al Codacons, Chiara Ferragni è di nuovo TT

Esilarante la motivazione con cui la vecchia associazione di Consumatori attacca l’influencer

C’è qualcosa che lega il Codacons ai Ferragnez, e non è nulla di buono. La Associazione di Consumatori ha denunciato l’influencer per blasfemia e per “offesa al sentimento religioso”, dopo la diffusione di un’immagine in cui appare raffigurata come una Madonna. In un post, la stessa Ferragni annunciava la collaborazione con Vanity Fair che ha portato all’effige tanto insolente, secondo il Codacons, non nuovo a certi attacchi. L’ultima volta, la coppia più bella d’Italia era stata additata per la raccolta fondi da destinare alla realizzazione di una terapia intensiva a Milano.

Sembra una trovata per TT

La cosa è talmente divertente che forse nasconde un accordo (sono ironica) tra le due categorie dell’animo, tra i due contendenti. Senza offesa per la musa che non nascondo di apprezzare, questa “opera” d’arte era un tantino limitata, diciamo destinata a colpire poco. E allora meno male che c’è il Codacons! La questione è infatti divenuta istantaneamente Trending Topic (TT, tema rilevante) su Twitter, con vasto sfoggio di battute e indignazione, anche giustificata, per una denuncia davvero d’altri tempi.

Chi è che sfrutta la religione?

La scusa per l’attacco all’immagine, che – a corredo di un’intervista per Vanity Fair – incolla il volto di Chiara Ferragni alla Madonna con bambino di Giovanni Battista Salvi, il Sassoferrato, è quella di sfruttare la religione a scopo commerciale, “essendo noto come la Ferragni sia una vera e propria macchina da soldi finalizzata a vendere prodotti, sponsorizzare marchi commerciali e indurre i suoi follower all’acquisto di questo o quel bene”. E giù risate.

Il mondo ama Chiara Ferragni (e anche io)

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy