Greta Thunberg torna a Parigi, ma l’accoglienza non è come previsto

Greta Thunberg torna a Parigi, ma l’accoglienza non è come previsto

Cos’è il cambiamento climatico? Eccolo spiegato in modo semplice

Climate Change – cambiamento climatico Greta Thunberg è un’attivista svedese (Fonte: canale YouTube Marcello Billia)

Dalla stampa nazionale:

Parigi «Per combattere il cambiamento climatico in modo intelligente, non abbiamo bisogno di guru apocalittici, ma di progressi scientifici e di coraggio politico», scrive su twitter Guillaume Larrivé alla vigilia dell’ingresso di Greta Thunberg nell’Assemblea nazionale francese.

Il deputato gollista, probabile nuovo leader dei Republicains, invita al boicottaggio della 16enne. Con lui, onorevoli della destra moderata e lepenisti si schierano contro la «profetessa in pantaloncini corti» che oggi terrà un discorso a Palazzo Borbone.

Greta torna a Parigi, ma non è solo la destra a nutrire dubbi sull’invito. La gauche giudica «incomprensibile» che l’attivista arrivi nel giorno in cui la pattuglia macroniana dirà «sì» al trattato di libero scambio Canada-Ue (Ceta), avversato proprio dagli ecologisti. Pure la maggioranza presidenziale si spacca: «Potremmo onorare anche gli scienziati che hanno agito per anni per il pianeta, usare il manicheismo del bene contro il male è troppo semplice», scrive Bénédicte Peyrol di En Marche. Perché il ritorno a Parigi di Greta Thumberg è così divisivo? Invitata da Matthieu Orphelin – onorevole e alla testa del collettivo «Per il clima» che conta 162 deputati, la 16enne non parlerà nell’emiciclo vero e proprio. Sarà ricevuta dal vicepresidente dell’Assemblée, poi un dibattito nella sala Victor Hugo tra le 12 e le 13,45, con 350 posti. Tanto basta a far inalberare la maggioranza, che non si stringe attorno all’eroina ecologista, improvvisamente diventata «scomoda». Continua a leggere (Fonte: “Greta ritorna a Parigi E trova un brutto clima”- ILGIORNALE.IT di Francesco De Remigis)

  • GRETA THUNBERG, CHI È LA 16ENNE SVEDESE CHE LOTTA PER IL CLIMA. (…) Greta Thunberg è nata a Stoccolma, in Svezia, il 3 gennaio 2003. È figlia della cantante d’opera Malena Ernman e dell’attore Svante Thunberg. Quando aveva 11 anni, a Greta è stata diagnosticata la sindrome di Asperger, che fa parte dello spettro autistico e che talvolta non viene diagnosticata fino all’età adulta, soprattutto nelle donne (come TPI ha documentato raccogliendo questa testimonianza).

È stata Greta stessa a parlare della sua malattia, in un Ted Talk del 2018, durante il quale ha dichiarato: “A 11 anni mi sono ammalata. Ho smesso di parlare e di mangiare. In due mesi ho perso 10 chili. Più tardi mi è stata diagnosticata la sindrome di Asperger e un mutismo selettivo. In pratica parlo solo quando ritengo sia necessario. Questo è uno di quei momenti.

Per quelli che come me sono aldilà dello spettro (autistico) quasi tutto è bianco o nero. Credo che sotto molti aspetti gli autistici siano normali mentre il resto delle persone molto strane. Come quando affermano che il cambiamento climatico è una minaccia seria e poi continuano a comportarsi come sempre.”

La Svezia e il mondo hanno imparato a conoscere di che pasta fosse fatta questa adolescente il 20 agosto 2018, quando Greta Thunberg ha deciso di scioperare per la prima volta per il cambiamento climatico dinanzi al parlamento svedese. Continua a leggere (Fonte: TPI.IT di Anna Ditta)

IL CAMBIAMENTO CLIMATICO SPIEGATO SEMPLICE

Fonte: Focus Junior

Le temperature si alzano, i ghiacci si sciolgono, l’inquinamento aumenta. Vi spieghiamo in pochi e semplici passaggi come sta cambiando il clima e cosa possiamo fare per “guarire” il nostro pianeta terra. (Fonte: FOCUS JUNIOR)

Fonte immagine copertina: Corriere del Ticino

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.