Ha solo 25 anni Miranda Wang, la donna che salverà il mondo dalla plastica

Ha inventato un sistema per riciclare la plastica più difficile senza inquinare

Premiata con il Rolex Awards la chimica molecolare Miranda Wang che da quando frequenta il liceo studia un sistema per riciclare la plastica all’infinito con un metodo non inquinante, quindi senza usare combustibili fossili. E ce l’ha fatta.

Attualmente il riciclo della plastica riguarda solo il 9% del materiale. Le difficoltà che impediscono che la percentuale sia più alta sono molte: è difficile “pulire” la plastica, la composizione complessa, il costo e il dispendio energetico del riciclo, la raccolta male organizzata.

Miranda Wang, che insieme all’amica e collega Jennifer Yao guida la startup BioCellection, negli ultimi anni si è concentrata nel trovare un’unica soluzione a queste problematiche, prendendo ispirazione dai batteri.

La missione di BioCellection è quella di «rendere i rifiuti di plastica riciclabili all’infinito»,  ha spiegato la vincitrice dei Rolex Awards. «Viviamo nell’era della plastica e non possiamo evitare di usarla, ma negli ultimi decenni non sono stati fatti grandi progressi nell’innovazione del riciclo di questo materiale».

Così Miranda Wang si è concentrata sullo studio del batterio in grado di mangiare la plastica e ha messo a punto un catalizzatore che riesce a operare a 120° e che trasforma i polimeri plastici in un liquido senza passare per il petrolio. E questa scoperta permetterà di recuperare migliaia di tonnellate di plastica “non riciclabile” trasformandola in qualcosa di riutilizzabile in vari tipi di industria, dai tessuti ai componenti elettronici.

E tutto il processo di conversione dura 3 ore, in questo poco tempo dalla plastica di pellicole industriali o vecchie borse della spesa si ottengono così sostanze chimiche da riutilizzare per produrre suole per le scarpe, componenti per le auto e varie parti tecnologiche.

La scoperta è epocale, con l’impianto di Miranda Wang si possono riciclare oltre 45mila tonnellate di rifiuti di plastica tagliando 320 mila tonnellate di CO2.

Mica bruscolini.

Viva le donne!

Leggi anche:
Rifiuti tecnologici, cresce il riciclo in Italia: cosa fare quando si butta via uno smartphone
Come funziona il riciclo dei pannolini?
Riciclo e riuso nel settore tessile: l’esperienza di VF Corporation
Il ciclo (e riciclo) di vita di carta e cartone

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Potrebbe interessarti anche

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy