I Beatles non sono mai esistiti

A settembre andate a vedere il film “Yesterday”, ve lo consiglia Rosa.

Il 13 febbraio scorso mi arriva un messaggio da mia figlia Rosa, 14 anni, beatlesiana militante: “Segnati questo film. Dobbiamo vederlo”. Annesso il link che annuncia il nuovo film di Danny Boyle, “Yesterday”, basato sull’idea che all’improvviso il mondo perde qualsiasi ricordo o conoscenza della presenza dei Beatles sul nostro pianeta. Il regista di Trainspotting grazie a una sceneggiatura di Richard Curtis immagina una commedia in cui un aspirante musicista in seguito a un incidente in bicicletta scopre di essere l’unica persona che conosce i favolosi quattro musicisti. Occasione ghiotta per diventare una rockstar che lancia inediti hit come “Hey Jude” e “Let it be”.

Al lancio dei trailer chi ha capelli bianchi si ricorda subito di Massimo Troisi che in “Non ci resta che piangere” – vicenda di due contemporanei italiani (per i più giovani l’altro era Benigni) che finiscono nel Rinascimento – canta a cappella Yesterday per poter conquistare Amanda Sandrelli. 

Ho regalato a mia figlia un viaggio promozione a Liverpool e quindi senza dover aspettare l’uscita italiana nel prossimo settembre abbiamo visto “Yesterday” dove tutto ebbe origine. 

Dopo la visita sui luoghi beatlesiani mattina e pomeriggio, alle 18 abbiamo proseguito il nostro tour al multiplex Odeon nel centro della città dove in una delle 12 sale la multiprogrammazione offriva il film da noi agognato. 

Molti i genitori con figli in sala per un buon numero di spettatori. Per me e mia figlia un cineturismo intenso e mai vissuto. La mattina in visita ai luoghi beatlesiani che appaiono anche nel film. 

Ho trovato gli attori bravi, intrecci e soluzioni indovinate grazie a una buona sceneggiatura, la rielaborazione musicale di valore per grande spettacolo in un film inglese godibile e spassoso che, grazie al marchio Beatles, ancora oggi molto attuale dovrebbe conquistare un pubblico globale trasversale alle generazioni. 

Sergio Fabi, dopo aver visto il film in anteprima alla kermesse per esercenti a Riccione, ha scritto su “Cinemotore” che non si tratta di un film musicale ma di  “una commedia con tanta musica e molto sentimento con tante trovate molto divertenti e tra i camei anche un Ed Sheeran perfetto”. Non sono convinto del primo giudizio ma sicuramente condivido tutto il resto. 

Reduce del viaggio non ho resistito alla curiosità di leggere le riflessioni di Rosa nel suo diario dove ho trovato scritto: “Yesterday è un viaggio nella musica attraverso l’amore. Pur se l’ho visto in inglese, la storia si segue bene anche come racconto per immagini. Molto bravo l’attore protagonista Himesh Patel, credibile nelle interpretazione delle canzoni dei Beatles. Il film fa comprendere anche quanto è fantastica ma anche complicata la vita di una rockstar”.

Magari a fine settembre, tornati dalle  vacanze, prendete in considerazione di vedere “Yesterday” con i vostri figli per poter risentire i Beatles insieme. 

Paride Leporace

Paride Leporace

Giornalista, scrittore, blogger. Ha diretto tre quotidiani. cronista di cinema e di varia umanità. Direttore della Lucana Film Commission. Vive al Sud. Si definisce calabrolucano.

Paride Leporace

Paride Leporace

Giornalista, scrittore, blogger. Ha diretto tre quotidiani. cronista di cinema e di varia umanità. Direttore della Lucana Film Commission. Vive al Sud. Si definisce calabrolucano.