I furbetti del cashback che indignano la rete

Si moltiplicano trucchi e trucchetti per ottenere un doppio rimborso

Stamani Twitter fa girare l’hastag #cashback in mezzo a frasi polemiche sia sulla sua ideazione, che andrebbe a distribuire soldi a pioggia e non strettamente dove più servono (ad esempio a favorire l’occupazione giovanile e femminile) sia e soprattutto sul fiorire di trucchi e trucchetti per ottenere il doppio rimborso, ovvero non il 10 ma il 20%. In sostanza acquistando una carta prepagata, e facendosi rimborsare l’acquisto, per poi fare nuovi acquisti e ottenere nuovi rimborsi da quella stessa carta.

Oltretutto, oggi il tema è caldo perché è partito il 1 febbraio la lotteria degli scontrini (la prima estrazione è stata fissata al 12 marzo). Ma i problemi tecnici e fisici sono numerosi e così, tra un trucchetto e una problematica, in molti temono che alla fine sarà un flop totale, e nessuno avrà rimborsi.

Come si truffa il sistema

Buona parte delle polemiche si concentra è sul modo, testato da QuiFinanza, per raddoppiare il cashback e ricevere il 20% di quanto speso.

Negozi e supermercati vendono le carte di debito VISA o Mastercard “usa e getta”, ovvero con credito pre-caricato da 25 euro, 50 euro, 100 euro o più.

L’acquisto di una di queste carte di debito prepagate in un negozio fisico dà naturalmente diritto al cashback del 10%, se paghiamo con una carta registrata sull’app IO. Successivamente, basterà registrare anche la carta appena acquistata al sistema Cashback e il gioco è fatto. Così avremo avuto un 10% di sconto – in sostanza – sui soldi che useremo per comprare oggetti a loro volta ulteriormente scontati di un altro 10%.

E così si può avere lo sconto anche comprano online

Allo stesso identico modo è possibile aggirare le regole e ottenere il cashback anche per gli acquisti su Amazon, per abbonarsi a Netflix, ricaricare il Google Play Store o l’Aple Store e via dicendo. Tutto grazie alle magiche ricariche acquistabili nei negozi fisici con una carta di credito registrata sull’app IO: ecco fatto che quanto si andrà ad acquistare online sarà stato di fatto già scontato.

Ma la coperta troppo corta non si allunga tirandola. Per alcuni, questo approfittarsi delle buche del sistema porterà lo Stato ad azzerare ogni genere di rimborso promesso.

Arrivano le agevolazioni ma nessuno dice nulla per non far lavorare troppo le banche!

Le nuove leggi sono una opportunità per i debitori. E che le banche si lecchino le loro ferite

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy