Moda Cina Sfruttamento People For Planet

I marchi della moda coinvolti nello sfruttamento dei lavori forzati in Cina

Secondo la denuncia di 190 organizzazioni dei diritti umani

Più di 190 organizzazioni per i diritti umani di 36 paesi giovedì 23 luglio hanno invitato i principali marchi della moda a tagliare i legami con i fornitori coinvolti, direttamente o indirettamente, con i campi in Cina dove sono detenuti gli uiguri e altre minoranze etniche costrette ai lavori forzati per produrre cotone destinato ai capi di vestiario.

“I marchi della moda complici dei lavori forzati delle minoranze etniche in Cina”

L’accusa è molto grave. “Quasi l’intero settore della moda pronta beneficia del lavoro forzato di uiguri e musulmani di lingua turca” , afferma, in una dichiarazione rilasciata giovedì 23 luglio e ripresa da The Guardian , una coalizione di gruppi per i diritti umani.

In altre parole, aggiunge il New York Times , “uno su cinque capi di cotone venduti nel mondo contengono cotone o filati prodotti nello Xinjiang”.

Lì, in questa regione della Cina nord-occidentale, le autorità sono accusate di aver, in nome della lotta al terrorismo, istituito programmi di lavoro forzato e internamento su larga scala “che mirano a trasformare gli uiguri, i kazaki e le altre minoranze musulmane in lavoratori schiavi”.

I campi di “trasformazione attraverso l’educazione”

Ne sarebbero colpiti da uno a due milioni di persone. Molti dei detenuti sono costretti a lavorare in campi o fabbriche per i salari da fame, o addirittura senza nessuna retribuzione.

I campi di lavoro forzato sono chiamati in Cina campi “di trasformazione attraverso l’educazione”

Nel suo appello, riferisce The Guardian, la coalizione delle organizzazioni dei diritti umani afferma che “il sistema di lavoro forzato in atto nella regione è il più grande programma di internamento per minoranze etniche e religiose dalla seconda guerra mondiale” . Internamenti che sono spesso accompagnati da torture, separazioni forzate e persino sterilizzazioni forzate di donne uiguri.

Il più grande produttore di cotone al mondo

La Cina è il più grande produttore di cotone al mondo e l’84% della sua produzione totale proviene dallo Xinjiang, secondo il quotidiano britannico. Un cotone che viene spesso trasportato in fabbriche dove vengono confezionati i capi di abbigliamento in Bangladesh, Cambogia o Vietnam. Alcuni giorni fa, il New York Times ha rivelato che da queste fabbriche arrivano anche mascherine e altre attrezzature mediche a tutto il mondo .

I marchi coinvolti

Tra i marchi coinvolti secondo questa denuncia ci sono Gap, C&A, Adidas, Muji, Tommy Hilfiger, Lacoste e Calvin Klein. Ancor prima della pubblicazione del comunicato stampa, PVH , il gruppo che possiede Tommy Hilfiger e Calvin Klein, ha annunciato che stava rispondendo a questa denuncia “cessando tutti i rapporti commerciali con fabbriche e filature che producono abbigliamento e tessuti nello Xinjiang”, secondo il New York Times.

Ma l’elenco è lungi dall’essere esaustivo, sottolinea  The Guardian , citando Chloe Cranston di Anti-Slavery International: È molto probabile che molti marchi, anche del lusso, siano collegati a ciò che sta accadendo al popolo uiguro e alle altre minoranze oppresse in Cina”.

Foto:l’ingresso di un campo per l’internamento di uiguri  fotografato  il 4 settembre 2018.  PHOTO / REUTERS / Thomas Peter

Leggi anche:
La vita sotto il turbante: dalle detenute alle pazienti, la solidarietà è di moda
Covid-19. Giorgio Armani: “Basta con gli sprechi della moda”
Reborn Ideas: ecodesign e moda sostenibile Made in Italy

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Potrebbe interessarti anche

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy