I mattoni vivi che crescono e si illuminano

Grazie ai batteri, si studia un prototipo di mattone in grado anche di assorbire gli inquinanti

Delle magnificenze dei batteri abbiamo parlato spesso. Adesso, grazie ai ricercatori della University of Colorado Boulder, le loro virtù saranno applicate ai mattoni, resi così veri e propri organismi viventi, in grado di auto ripararsi, crescere, assorbire veleni o illuminarsi, grazie alla bioluminescenza. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Matter.

Batteri, sabbia e materiale gelatinoso saranno gli ingredienti per un mattone tra l’altro a ridotto impatto ambientale. Per quanto riguarda i primi, si tratta nel dettaglio di cianobatteri fotosintetici, del genere Synechococcus, coltivati su uno scheletro di gelatina e sabbia e mescolati a un mezzo di coltura. Le colonie di questi cianobatteri sono state usate per indurire la matrice di gelatina e sabbia, grazie alla loro capacità di precipitare il carbonato di calcio (a partire dagli ingredienti mescolati nel mezzo di coltura) e al tempo stesso renderla viva.

Vivi davvero

I mattoni in questioni sono da considerare a tutti gli effetti esseri viventi, che in condizioni di umidità vicine al 50%, in un mese circa, sopravvivono per un 9-14% del totale delle colonie batteriche, per continuare fino a tre generazioni il loro lavoro di batteri-mattone. Questo significa prima di tutto che, mettiamo il caso di un danno in facciata, basta fornire ai batteri i giusti nutrienti (matrice gelatinosa e sabbia) e loro si ripareranno riproducendosi.

Stiamo parlando per ora solo di un prototipo, che come detto ad esempio funziona solo in condizioni di elevata umidità. Per riuscire in condizioni più comuni, serviranno ancora nuove ricerche.

Leggi anche:
Edifici che si ricostruiscono coi mattoni riciclati direttamente sul posto
La casa riciclabile made in Italy
Edifici Near Zero Energy e dai materiali riciclati, obiettivi a portata di mano

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista scientifica appassionata di ambiente

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista scientifica appassionata di ambiente