I Sioux riporteranno i bisonti nel Nord America

Un progetto tra il Dipartimento di Stato Usa e il WWF

Si chiamerà Wolakota Buffalo Range e diventerà la più grande mandria di bisonti di proprietà e gestione dei nativi del Nord America. Sono i Rosebud Sioux a siglare un accordo con gli animali cari alla loro storia e tradizione: 28.000 acri di prati della loro riserva saranno destinati a un branco di bisonti di pianura che si punta ad aumentare fino a 1.500 animali.

Una collaborazione a tre

Il progetto è stato avviato da una partnership tra REDCO e WWF con il supporto del Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti. Nel corso dei prossimi cinque anni, centinaia di bisonti saranno inviati lì per creare nuove mandrie libere, gestite a livello federale. Lo storico progetto aumenterà il numero complessivo di bisonti di proprietà dei nativi americani di un impressionante 7% a livello nazionale. Sarà il più grande branco di bufali gestito da nativi. “Questo dimostra che le attività socialmente utili possono funzionare e generare profitto, creando impatti positivi a livello locale e globale”, ha commentato Wizipan Little Elk, CEO della Rosebud Economic Development Corporation (REDCO), ovvero l’organizzazione che si occupa di gestire i fondi economici dei Sioux.

Negli ultimi cinque anni, il WWF ha investito oltre 2,2 milioni di dollari negli sforzi di risanamento dei bisonti con le comunità indigene nelle Grandi Pianure del Nord. Questa nuova opportunità, che si allinea fortemente ai valori e alle credenze fondamentali dei nativi, offrirà un modello per gli sforzi di restauro culturale ed ecologico delle nazioni native americane negli Stati Uniti.

Il bisonte è l’identità Sioux

“Si tratta di un ritorno a casa per questa specie iconica, ed è anche una riunione con le comunità che hanno vissuto con loro per secoli in una relazione simbiotica“, ha affermato Carter Roberts, presidente e CEO del WWF. “Non vediamo l’ora di vedere il bisonte tornare a popolare queste zone, entro la fine dell’anno.” Il primo trasferimento di bisonti dal gregge del Dipartimento degli Interni avrà luogo in autunno.

Nella storia della creazione dei Lakota Sioux, l’umanità nasce dalla caverna del vento delle Black Hills, nel South Dakota: la vita sorge per metà in forma umana e per metà in forma di bufalo. Chiaro quanto sia alta la considerazione che questa tribù assegna al suo animale di riferimento.

Un ritorno alla tradizione

Grandi branchi di bisonti vagavano una volta in tutte le Grandi Pianure e in gran parte del Nord America. L’espansione occidentale e la caccia sfrenata hanno decimato quelle popolazioni nel giro di decenni, ma ora progetti come questo stanno aiutando a riportare grandi branchi. L’obiettivo del WWF è di ripristinare 5 branchi di almeno 1.000 bisonti ciascuno nelle Grandi Pianure settentrionali entro il 2025.

Leggi anche:
Covid-19, folle caccia ai pipistrelli in tutto il mondo
Scandalo Agrigento, spianate illegalmente le sue dune

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy