Vegani Fratture People For Planet

I vegani hanno un maggior rischio di frattura delle ossa

Lo segnala uno studio su 65.000 individui pubblicato da New Scientist

Il britannico New Scientist, uno dei magazine di divulgazione scientifica tra i più accreditati al mondo, pubblica i risultati di uno studio recente. 

Le persone che seguono una dieta vegana hanno un rischio maggiore di fratture, soprattutto alle anche. È quanto rivela una ricerca realizzata da BMC Medicine. Per giungere a questa conclusione, i ricercatori di BMC Medicine hanno utilizzato un campione di 65.000 individui seguiti sin dal 1993.

Lo studio era stato realizzato inizialmente con un obiettivo diverso, valutare l’influenza della dieta sul rischio di sviluppare il cancro.

“Il lavoro  ha dimostrato che i vegetariani hanno ossa più fragili dei mangiatori di carne”, ricorda il New Scientist. 

In particolare  i vegani (che non mangiano carne, pesce o prodotti animali) hanno il doppio delle probabilità di frattura alle anche rispetto alle persone che mangiano carne. Questo rischio è superiore rispetto ai “carnivori”, ma meno fortemente, nei vegetariani (né carne né pesce) così come tra coloro che mangiano pesce ma non carne.

Complessivamente, sull’insieme della popolazione, il rischio di frattura delle ossa è comunque basso, pari a 20 fratture ogni 1.000 persone in dieci anni. “E’ probabile che il tasso di fratture sia più alto nelle persone anziane, afferma il ricercatore Tammy Tong dell’Università di Oxford, il primo autore dello studio.

Insieme ai suoi colleghi, ha scoperto che le persone che mangiano carne assumono più calcio e proteine. Ricorda il New Scientist: “Il calcio è un componente importante delle ossa e le proteine possono facilitare l’assorbimento del calcio dal cibo”. 

Per Heather Russell, dietista presso la Vegan Society (un’associazione per la promozione del veganismo) nel Regno Unito: ”È del tutto possibile prendersi cura delle proprie ossa seguendo una dieta vegana ben costruita, ma essere informati è essenziale per fare scelte salutari “.

Foto di Louis Hansel

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Potrebbe interessarti anche

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy