Il campo profughi di Moria, Grecia, è uno dei posti peggiori del mondo e a viverci sono soprattutto bambini

Un campo pensato per 3 mila persone oggi ne ospita 19 mila, il 40% sono bambini che arrivano anche a tentare il suicidio