Il Comune di Lisbona vuole trasformare gli appartamenti turistici in case

Il Comune di Lisbona vuole trasformare gli appartamenti turistici in case

La casa deve essere un diritto di tutti, soprattutto nei periodi di crisi

Il Covid ci ha travolti come un uragano ma, a volte, anche gli imprevisti possono trasformarsi in un’opportunità.

Il settore turistico è stato fortemente colpito dalla crisi provocata dalla diffusione della pandemia. A causa del divieto di mobilità tra territori, il flusso di persone si è nettamente ridotto e a risentirne è stato il campo dell’ospitalità, soprattutto in città come Lisbona, Barcellona o Venezia che, da qualche anno, hanno visto diffondersi un turismo di massa.

Tuttavia, questo processo di gentifricazione con conseguente aumento degli affitti e trasformazione delle case in appartamenti turistici, ha provocato qualche malcontento tra la popolazione di queste città, non solo a causa dell’aumento del costo della vita ma anche perché l’identità di questi luoghi è stata intaccata dal “terramotourism” – un terremoto turistico.

Il caso di Lisbona

Al fine di dare una mano agli operatori del settore, il Comune di Lisbona ha avuto una brillante idea: trasformare gli appartamenti turistici in case, offrendo ai proprietari la possibilità di affittare le loro proprietà alla città per un minimo di cinque anni.

In un certo senso Covid ha creato un’opportunità“, ha dichiarato al Guardian Fernando Medina, sindaco di Lisbona. “Il virus non ci ha chiesto il permesso di entrare, ma abbiamo la capacità di usare questo tempo per pensare e vedere come possiamo muoverci nella giusta direzione per correggere le cose e metterle sulla strada giusta“.

La città ha colto questo momento storico per gettare nuova luce su un programma che era in programmazione prima della pandemia: un piano ambizioso per convertire alcuni degli oltre 20.000 appartamenti turistici della città in alloggi a prezzi accessibili.

L’iniziativa, definita dal Comune come un’opzione “priva di rischi”, offre ai proprietari la possibilità di ricevere fino a 1.000 euro al mese affittando i propri immobili al Comune per un minimo di cinque anni. In tal modo, si ha l’obiettivo di offrire ai cittadini un alloggio a tariffe agevolate, andando a affievolire il malcontento generalizzato relativo all’aumento del costo della vita.

Per i proprietari, è probabile che il reddito da locazione sia inferiore a quello che potrebbero guadagnare dagli introiti turistici. Ma la città scommette che il reddito stabile a lungo termine – e l’offerta di pagare un anticipo fino a tre anni di affitto – conquisterà i proprietari, soprattutto nel clima di incertezza generato dalla pandemia.

Reinventare le città post-Covid

La crisi, in tal modo, potrebbe trasformarsi in un’opportunità per trasformare le città in uno scenario post-Covid.

Lisbona non è l’unica città a muoversi in questa direzione: a Venezia, per esempio, è stata stretta una una convenzione che permetterà di fittare alcuni appartamenti turistici a studenti universitari. A Barcellona il virus ha dato impulso a iniziative per occupare le case vuote. A luglio, i funzionari hanno inviato una lettera di avvertimento a 14 banche e fondi di investimento il cui stock di 194 case sarebbe rimasto vuoto da due anni. Se le case non fossero state affittate entro un mese la città si sarebbe mossa per espropriarle a metà del loro valore di mercato e trasformarle in alloggi sociali.

Amsterdam ha recentemente vietato gli affitti per le vacanze nel suo centro storico e ha imposto restrizioni sugli affitti in altri quartieri, mentre i legislatori nella Repubblica Ceca hanno introdotto una legislazione volta a regolamentare meglio gli appartamenti turistici.

Le iniziative intraprese da queste città ci fanno comprendere che, in uno scenario mondiale caratterizzato dalla presenza di un virus che minaccia la salute pubblica e il bene collettivo, la casa non è solo l’unico luogo sicuro ma è e deve essere un diritto di tutti.

Fonte: The Guardian

Leggi anche:
Il Superbonus 110% per l’efficientamento della casa spiegato in modo chiaro e semplice dai nostri esperti
5 bugie sul Superbonus Casa 110%
CappottoMio: la soluzione di efficienza energetica che si ripaga con l’Ecobonus 110%

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Potrebbe interessarti anche

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy