Il doodle di oggi festeggia l’uomo che inventò la mascherina

Ma anche dei concetti di quarantena e sanificazione

Ne ignoravamo l’esistenza, praticamente, e la funzionalità. Oggi è la nostra migliore amica. La mascherina fu “inventata” – o comunque perfezionata – da Wu Lien-teh, celebrato oggi dal doodle di Google. Il 10 marzo di 124 anni fa nacque questo medico malese che contrastò la peste della Manciuria e della Mongolia, del 1910-1911, una malattia polmonare virale che costò la vita a 60mila persone. Come? Perfezionando l’uso delle mascherine chirurgiche.

Una vita eccezionale

Figlio di un immigrato cinese e madre malese, cresciuto con quattro fratelli e sei sorelle, riuscì a studiare alla Penang Free School e poi all’Emmanuel College di Cambridge, grazie alla borsa di studio della regina. Nel corso della sua travagliata esistenza, da adulto Wu perse tutta la sua famiglia, moglie e tre figli, e fu arrestato nel 1913 durante l’invasione giapponese della Manciuria, con l’accusa di essere una spia cinese. Nonostante tutto, ebbe una carriera brillante, piena di premi e successi tra Londra e la Cina.

L’invenzione che cambiò la storia

Nel 1910 il Ministero degli Esteri di Pechino incaricò Wu Lien-teh di lavorare al contrasto della pandemia in atto. Dopo aver condotto un’autopsia su una donna morta di peste polmonare, capì che la pandemia si stava diffondendo per via aerea e pensò di progettare delle mascherine che in poco tempo cambiarono le sorti di quelle popolazioni rivelandosi un’arma di difesa efficacissima. Dobbiamo a lui i concetti stessi di quarantena e sanificazione degli edifici. Per primo, pensò di usare la cremazione delle salme contro la peste.

Covid-19, “Portare la mascherina può aumentare le difese come un mini-vaccino”

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy