Il futuro sono i jeans a noleggio?

Li propone una azienda olandese, Mud Jeans, e sta funzionando

2 miliardi di jeans all’anno

La moda produce un grande impatto ambientale. E i jeans in particolare. Nel mondo si acquistano circa due miliardi di paia di jeans ogni anno e meno dell’1% dei materiali utilizzati per la produzione viene riciclato in nuovi indumenti. Allora c’è chi ha pensato di cambiare: “facciamolo diversamente”. Se si può noleggiare un’auto perché non si possono noleggiare dei jeans?

Lease a Jeans

Nel 2013 MUD Jeans ha introdotto il suo sistema pionieristico Lease A Jeans. Consente di noleggiare un paio di jeans pagando una tariffa mensile. Quando i jeans sono consumati o se hai voglia di cambiare dopo 12 mesi, puoi restituirli e passare a un nuovo paio. Quindi MUD ricicla i materiali creando nuovi capi.

L’uso oltre la proprietà

A MUD dichiarano di promuovere “l’uso oltre la proprietà”. Con il noleggio di jeans e il riciclo dei materiali ci si sposta verso un’economia circolare nel settore della moda. Lease A Jeans è un esempio citato in molte università che si occupano di economia circolare.

Noleggiare è meglio che comprare per il pianeta

In un’economia lineare, un paio di jeans viene fabbricato, venduto, indossato e bruciato come spazzatura o scartato in discarica dove finisce per inquinare l’ambiente. Fine.

Riciclare i vecchi jeans significa non vederli come rifiuti ma come input prezioso per qualcosa di nuovo. Riutilizzare il cotone significa un impatto positivo attraverso la riduzione dell’uso dell’acqua e la riduzione dei rifiuti.

È molto diverso dalla nostra attuale economia “lineare”, che estrae risorse, le trasforma in prodotti e poi li elimina, un ciclo spesso chiamato “take-make-waste”: compri, indossi per un po’ e poi butti via.

La moda circolare

La moda circolare non è l’unico modo per ridurre gli sprechi.

Si sa che ogni volta che evitiamo di dover estrarre qualcosa, fabbricarlo o spedirlo da qualche parte riduciamo l’impronta di carbonio associata a quel particolare prodotto o materiale.

Sebbene la moda circolare possa sembrare rivoluzionaria è esattamente il contrario. Fino a poco tempo fa rammendare, riutilizzare erano la norma, piuttosto che l’eccezione. Cento anni fa erano buon senso.

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Potrebbe interessarti anche

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy