“Il governo deciderà su lockdown rigido totale”

Il consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, il professor Walter Ricciardi,

Proprio come un anno fa, all’Italia serve un lockdown rigido e uniforme su tutto il territorio nazionale, ma di durata limitata. “Credo che il ministro della Salute Roberto Speranza sia convinto di questa nuova fase, spero che il presidente del Consiglio Draghi recepisca e che il governo appoggi: dipende dal governo”, ha detto Walter Ricciardi ieri sera a Che Tempo che fa.

Da 2 a 4 settimane

Il consigliere del ministro della Salute ha poi specificato al Messaggero la durata necessaria di questo lockdown, che “deve durare il tempo necessario a tornare a questo dato di incidenza: possono essere due, tre, quattro settimane, dipende da quando si raggiunge l’obiettivo”. La strategia che vorrebbe Ricciardi prevede, oltre al lockdown più rigido, anche il rafforzamento del tracciamento e della campagna vaccinale. Con l’obiettivo di “limitare la circolazione del virus al di sotto dei 50 casi ogni 100mila abitanti”.

Perché non è stato fatto finora? 

Da settembre – spiega Ricciardi – non siamo più riusciti a essere pienamente impattanti sulle decisioni del governo, “soprattutto perché il precedente presidente del Consiglio e alcuni ministri non erano d’accordo sull’adozione di misure così forti. Questo – continua – ha causato decine di migliaia di morti e ha affondato l’economia”.

La paura delle varianti

Dietro tutta questa cautela, naturalmente, le varianti, specie quella inglese. “Si trasmette più velocemente ed è lievemente più letale. Quella brasiliana può dare origine a reinfezioni, come è stato visto a Perugia. Per la sudafricana sembra limitata l’efficacia del vaccino AstraZeneca”.

Covid-19, varianti: il tampone le riconosce?

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy