Lavoratori stranieri in Italia: è calo

Immigrazione, così l’Italia di Salvini lascia i lavoratori stranieri regolari agli altri paesi

In Europa aumentano i lavoratori stranieri regolari, ma non in Italia

Lo studio della fondazione Leone Moressa: in Europa è boom di migranti economici, utili a imprese e famiglie. L’Italia, persa dietro la finta emergenza sbarchi, è il fanalino di coda: persino l’Ungheria di Orban ne ha accolti di più

Frontiere chiuse, ma non per tutti. In Europa aumentano i lavoratori stranieri regolari. Soprattutto tra i “duri” di Visegrad, ossia i Paesi che più alzano la voce contro i migranti, Polonia e Ungheria in testa. E da noi? Persi dietro l’emergenza sbarchi, che emergenza non è più da tempo, abbiamo chiuso le porte a migliaia di lavoratori regolari, funzionali alla nostra economia. Dai 350mila permessi di lavoro concessi nel 2010, siamo crollati a meno di 14mila l’anno scorso: oggi siamo gli ultimi in Europa.

A fotografare i Paesi Ue che più attraggono manodopera straniera è uno studio della fondazione Leone Moressa. Si comincia dall‘Italia: nel nostro Paese lo scorso anno i permessi di soggiorno rilasciati sono stati 239mila. Fino al 2010 i nuovi permessi erano oltre 500mila all’anno, per poi subire un drastico calo a partire dal 2011 con la riduzione della portata dei decreti flussi. Ma la notizia è un’altra: gran parte degli attuali permessi sono per ricongiungimento familiare o richiedenti asilo. Si assiste infatti al crollo dei permessi per motivi di lavoro: erano oltre 350mila nel 2010, si sono fermati a 13.877 nel 2018. Non solo.

Continua a leggere su REPUBBLICA

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!