Incarcerate i senzatetto!

E’ quanto sta accadendo in Ungheria per ordine del governo.

La polizia ungherese da alcuni giorni sta dando la caccia ai senzatetto che dormono nei sottopassaggi e nei parchi per applicare la legge che sanziona chi vive senza fissa dimora nei luoghi pubblici. Il parlamento ungherese, su proposta del governo presieduto da Viktor Mihàli Orbàn ha fatto inserire anche nella Costituzione una norma in base alla quale i poliziotti devono intimare ai barboni – circa 30 mila nella sola Budapest – di allontanarsi da dove sono. Dopo il terzo avvertimento scatta l’incarcerazione. I beni – coperte, sacchi a pelo, borse – sono bruciati o distrutti. A meno che gli homeless siano in grado di pagare una forte multa che, naturalmente, non sono in grado di pagare.
Attila Fulop, segretario di Stato ungherese per gli Affari Sociali, ha dichiarato alle agenzie di stampa che “l’obiettivo è assicurare che i senzatetto spariscano dalle strade e che i cittadini possano fare uso dello spazio pubblico”.
Secondo il governo ungherese tutti i senzatetto dovrebbero trovare riparo nei rifugi statali ma secondo le organizzazioni umanitarie i posti disponibili in Ungheria sono in tutto solo 11.000 contro i 30.000 homeless della sola capitale.
Questa nuova iniziativa segue le precedenti del governo ungherese contro i migranti, le ONG e la repressione degli organi di informazione indipendenti.
Il governo Orbàn è stato sanzionato a settembre dal Parlamento europeo che ha votato a favore di un’azione contro Budapest “per il rischio evidente di minaccia ai valori dell’Unione europea“.
Nel giugno scorso, quando questa legge ora diventata operativa era stata approvata, l’esperta delle Nazioni Unite per lo housing, Leilani Farha, aveva definito la legge “crudele e incompatibile con le norme e gli accordi internazionali per i diritti umani”.
Ricordiamo che il governo Orbàn gode di simpatie anche al di fuori del proprio Paese, in particolare in alcuni ambienti politici italiani.

 

Fonte immagine: TheOrangeFiles

Commenta con Facebook
Bruno Patierno

Bruno Patierno

Project Manager di People For Planet

1 commento

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Project Manager di People For Planet