Povertà sanitaria: quattro milioni di italiani non hanno i soldi per curarsi

Per le famiglie indigenti la quota principale della spesa sanitaria è destinata ai medicinali: 12,30 euro mensili, pari al 54% del totale 

Nel 2017 hanno rinunciato a sottoporsi a visite o accertamenti specialistici per motivi economici quattro milioni di italiani. Vale a dire il 7% della popolazione del nostro Paese.

Il dato arriva dall’audizione del Presidente dell’Istituto nazionale di statistica Maurizio Franzini relativa al documento “Attività conoscitiva preliminare all’esame del disegno di legge recante bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021 (C. 1334 Governo)”, redatto dall’Istat e presentato davanti alle commissioni congiunte Bilancio di Camera e Senato.

Forti le differenze territoriali tra Nord e Centro-Sud

“Tra quanti dichiarano che le risorse economiche della famiglia sono scarse o insufficienti – si legge nel documento – l’incidenza della rinuncia alle prestazioni specialistiche è complessivamente pari al 5,2%, a fronte dell’1,9% tra le famiglie che dichiarano di avere risorse ottime o adeguate. Sono forti le differenze territoriali tra Nord e Centro-Sud. La percentuale più bassa si rileva infatti nel Nord-est (2,2%) e la più elevata nelle Isole (4,3%). Queste situazioni rappresentano un segnale di vulnerabilità nell’accesso alle cure che riguarda in particolare i meno abbienti”.

I poveri spendono in cure 117 euro all’anno

Di povertà sanitaria parla anche il Rapporto 2018 – Donare per curare: Povertà Sanitaria e Donazione Farmaci realizzato dalla Fondazione Banco Farmaceutico onlus e BFResearch, da cui emerge che a causa di spese più urgenti perché non rinviabili le famiglie povere destinano alla salute solo il 2,54% della propria spesa totale, contro il 4,49% delle famiglie non povere. In particolare, possono spendere solo 117 euro l’anno (con un aggravio di 11 euro in più rispetto all’anno precedente), mentre il resto delle persone può spendere 703 euro l’anno per curarsi (+8 euro rispetto all’anno precedente). Per le famiglie indigenti, inoltre, la quota principale della spesa sanitaria è destinata ai medicinali: 12,30 euro mensili, pari al 54% del totale.

Commenta con Facebook
Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.

commenta

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.