La Casa di Luce di Bisceglie

Un progetto residenziale pluri-certificato, realizzato in Puglia dallo studio PS Architetture e Pedone Working, rappresenta un esempio concreto dell’abitare sano

Ha ottenuto la certificazione CasaClima Oro, ha vinto il premio Green Awards Building 2016 ed è un edificio NZEB: Nearly Zero Energy Building: si tratta del progetto Case di Luce, sviluppato dallo studio PS Architetture e realizzato da Pedone Working di Bisceglie. Obiettivo? Lo dichiarano direttamente i progettisti: “rigenerare un’area dismessa con criticità ambientali. Sviluppare una riqualificazione urbana sostenibile che evita il consumo di suolo, bonificando un’area compromessa; un sistema di spazi pubblici accresce la qualità urbana, integrando edifici residenziali NZEB con nuove infrastrutture a verde. In sintesi: rigenerare con la natura”.
Si tratta di un intervento residenziale d’avanguardia, che racchiude una serie di soluzioni studiate per contenere i consumi energetici e garantire il comfort residenziale; “l’edificio è caratterizzato da un bassissimo fabbisogno energetico in quanto utilizza tutti gli accorgimenti inerenti al risparmio energetico: eliminazione dei ponti termici, infissi altamente termoisolanti, riscaldamento mediante pompa di calore e un involucro altamente performante dal punto di vista termico, acustico ed igrometrico in quanto 100% naturale in canapa e calce. Il composto in canapa e calce utilizzato, sia per Biomattone che per Natural Beton, prodotto certificato LEED, è un composto costituito da truciolato vegetale di canapa con un legante a base di calce in rapporto variabile a seconda delle prestazioni termiche e meccaniche richieste”, continuano i progettisti.
Fra le soluzioni più interessanti per raggiungere l’equilibrio energetico, le serre solari, inserite come elementi di captazione passiva dell’energia solare termica e come elemento di mediazione fra interno ed esterno, e la copertura a vela, inclinata in direzione Sud/Sud-Est e studiata per accogliere gli impianti per lo sfruttamento delle fonti rinnovabili. Cambiando di scala e passando dalla copertura e dalla stratigrafia delle pareti agli elementi di dimensioni minori, anche le porte blindate, di Dierre, collaborano nel raggiungimento dell’obiettivo, grazie ai loro valori di isolamento termico, tenuta all’aria e tenuta all’acqua.

Antonia Solari

Antonia Solari

Giornalista e architetto, collabora come freelance con diverse
testate dedicate al mondo del design, dell'architettura e del lifestyle

commenta

Potrebbe interessarti anche

Antonia Solari

Antonia Solari

Giornalista e architetto, collabora come freelance con diverse
testate dedicate al mondo del design, dell'architettura e del lifestyle

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy