La fase 2 in Francia: aperture differenziate per zone e monitoraggio costante

In Francia la fase 2 partirà dall’11 maggio, diversificata nelle zone in base alla diffusione del virus

La fase 2 dall’11 maggio

Il primo ministro francese, Edouard Philippe, ha presentato in parlamento il programma francese per la fase 2 che partirà dall’11 maggio.

Rivolgendosi al parlamento, Philippe ha affermato che il blocco ha salvato circa 62.000 vite in Francia in un mese, ma che è tempo di allentare le misure per evitare un collasso economico.

“Dovremo imparare a convivere con il virus”, ha detto, “fino a quando non sarà disponibile un vaccino o un trattamento efficace”.

Ha riassunto le priorità della Francia in fase 2 così: “Proteggere, testare, isolare”.

Il Parlamento ha approvato a larga maggioranza le sue proposte.

Province verdi e province rosse

Il blocco non sarà alleggerito l’11 maggio se i nuovi casi non resteranno al di sotto di 3.000 al giorno.

La Francia ha visto circa 2.162 nuovi casi al giorno in media nelle ultime due settimane.

Giorno per giorno, alcune province saranno classificate come “verdi” e altre come “rosse”, a seconda del numero di nuovi casi, della capacità di test nell’area e della pressione sugli ospedali locali. Le verdi potranno proseguire la fase 2 mentre le rosse avranno uno stop di questa nuova fase.

Le principali misure di fase 2

Negozi e mercati non essenziali riapriranno le loro porte dall’11 maggio, ma non bar e ristoranti.

I negozi avranno il diritto di chiedere agli acquirenti di indossare maschere e dovrebbero assicurarsi che rimangano a un metro di distanza.

I francesi potranno uscire di nuovo senza autocertificazione

Saranno ammessi incontri pubblici fino a 10 persone.

Anche gli asili nido e le elementari riapriranno, ma con un massimo di 15 bambini in ciascuna classe

Le scuole riapriranno gradualmente

Le scuole fino alle elementari comprese inizieranno ad aprire dall’11 maggio. Le scuole medie nei distretti con focolai più lievi (province verdi) potrebbero essere autorizzate a riaprire dal 18 maggio e le scuole superiori alla fine del mese.

Nelle scuole, i bambini più piccoli non indosseranno le mascherine mentre i bambini della scuola media (di età compresa tra 11 e 15 anni) dovranno indossarle e il governo le renderà disponibili per gli studenti che non possono acquistarle.

Le classi non supereranno i 15 studenti (10 negli asili)

I genitori potranno decidere se inviare o no i figli a scuola, se no dovranno certificare che i figli seguiranno le lezioni a distanza.

Aspre critiche da una parte del mondo della scuola, contrario alla riapertura per il timore dei rischi per la salute.

Le principali restrizioni che rimarranno

I funerali continueranno ad essere limitati a 20 partecipanti

Le cerimonie religiose non potranno essere organizzate prima del 2 giugno

Bar, cinema e ristoranti rimarranno chiusi per ora

Fermo anche il calcio. La stagione dei campionati finisce qui.

Il piano dei test francese in stile coreano per la fase 2

Il governo ha fissato l’obiettivo di eseguire almeno 700.000 test di coronavirus a settimana dall’11 maggio a spese dello stato.

“Una volta che una persona si è dimostrata positiva, inizieremo a identificare e testare tutti coloro, sintomatici o meno, che hanno avuto uno stretto contatto con loro. Tutti questi casi di contatto saranno testati e verrà chiesto loro di isolarsi”, ha detto.

Istituendo “brigate” locali di investigatori per tracciare la scia dell’infezione, ritengono che testeranno in media 20 contatti per ogni persona affetta dal virus.

Coloro che hanno scoperto di avere il virus dovranno isolarsi da soli, a casa con le loro famiglie o negli hotel requisiti a questo scopo.

Chi dovrà indossare le mascherine?

Dall’11 maggio tutti i passeggeri dei mezzi pubblici dovranno indossare una maschera.

Affrontando la carenza di maschere in Francia, Philippe ha affermato che saranno ampiamente disponibili entro l’11 maggio. Ha invitato tutte le aziende a fornire maschere al personale e ha detto che il governo aiuterà le piccole imprese se necessario.

Le maschere saranno inoltre vendute sul sito web dell’ufficio postale francese e ogni settimana verranno messi da parte cinque milioni di maschere lavabili per le persone più vulnerabili.

Il covid-19 in Francia

La Francia ha subito un alto tasso di letalità per Covid-19 in base ai dati ufficiali.

Al 28 aprile il numero di persone morte per il virus era di 23.660. Circa 130.000 persone sono state infettate.

I ricoveri ospedalieri e il numero di pazienti in terapia intensiva sono diminuiti, tuttavia, causando un cauto ottimismo.

Leggi anche:
Covid-19 – Il governo dimentica la scuola, i bambini, i ragazzi e le loro famiglie
Conte: dal 4 maggio inizia la fase 2

Immagine di Anthony Delanoix

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Potrebbe interessarti anche

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy