La Francia riapre tutto, comprese le scuole. E la Corsica

“Ricostruiremo un’economia forte, ecologica e unita”

Con un discorso alla nazione, il premier Macron ha riaperto in anticipo tutta la Francia continentale. È zona verde anche l’Ile de France con Parigi, che finora era rimasta invece esclusa. Caffé e ristoranti parigini potevano operare, fino a ieri, solo utilizzando gli spazi all’aperto. I francesi potranno adesso riprendere a spostarsi in Europa e, come un po’ tutti, dovranno invece attendere il 1 luglio per i viaggi extra-Ue. Ancora bollino arancione per le ex colonie Mayotte (nell’Oceano Indiano) e la Guyana, dove il coronavirus circola attivamente.

In Corsica in nave

Semaforo verde per i viaggi di piacere in Francia, e anche la Corsica – dove fino a ieri si poteva viaggiare in nave solo per motivi di lavoro o salute – non ha più alcun vincolo. Al via le tratte veloci dalla Toscana.

A scuola per obbligo fino al 22

Il presidente ha parlato di come sarà la ripresa, e risaltano le differenze con il nostro Paese: sarà un “modello economico sostenibile più forte”, con “un investimento massiccio in istruzione, formazione e lavoro per i giovani”.

Da oggi “gli asili, le scuole elementari e le medie si prepareranno ad accogliere tutti gli studenti in modo obbligatorio e dal 22 giugno secondo le normali regole di presenza”, ha annunciato nel suo discorso in diretta tv il presidente Macron. Dall’11 maggio a oggi, gli studenti avevano ripreso le lezioni su base volontaria, in classi divise, rispettando rigide regole di distanziamento. Ora gli studenti tornano alla normalità per gli ultimi giorni di scuola, dal 22 giugno al 4 luglio.

Un’economia forte ed ecologica

Il capo dell’Eliseo ha precisato che “la nostra priorità è ricostruire un’economia forte, ecologica, sovrana e unita“, difendendo la prospettiva di “un patto produttivo” e ricordando che sono stati mobilitati “quasi 500 miliardi di euro” per sostenere l’economia francese.

Per approfondire:
Fase 3: niente calcetto, niente discoteche, niente terme
Crisanti, “I bambini non si ammalano di Covid-19”

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy