La paura dell’"apocalisse climatica" impedisce alle persone di avere figli: lo studio

La paura dell’”apocalisse climatica” impedisce alle persone di avere figli: lo studio

Un’indagine su 600 persone ha rilevato che alcuni genitori si pentono di avere avuto figli per lo stesso motivo: la paura per il futuro

Secondo un recente studio, molte coppie preoccupate per la crisi climatica stanno decidendo di non avere figli a causa del timore che i loro bambini debbano affrontare un’apocalisse climatica.

Le preoccupazioni per il futuro

I ricercatori hanno intervistato 600 persone di età compresa tra 27 e 45 anni che stavano già prendendo in considerazione le preoccupazioni relative al clima nelle loro scelte riproduttive e hanno scoperto che il 96% era molto o estremamente preoccupato per il benessere dei loro potenziali futuri bambini in un mondo minacciato dai cambiamenti climatici.

I potenziali genitori sono apparsi preoccupati: perché mettere al mondo dei bambini e costringere loro a cercare di sopravvivere a quelle che potrebbero essere condizioni apocalittiche a causa dell’ impatto del riscaldamento globale sul mondo?

La ricerca ha anche dimostrato che anche alcune persone che erano già genitori hanno espresso rammarico per avere messo al mondo dei figli in queste condizioni preoccupanti.

Avere un figlio significa anche potenzialmente che la persona continuerà a produrre per tutta la vita emissioni di carbonio che contribuiscono all’emergenza climatica, ma solo il 60% degli intervistati era molto preoccupato per questa impronta di carbonio.

Lo studio

Lo studio, pubblicato sulla rivista Climatic Change, non ha rilevato differenze statisticamente significative tra le opinioni di donne e uomini, sebbene le donne rappresentassero i tre quarti degli intervistati.

Una donna di 31 anni ha dichiarato: “Il cambiamento climatico è l’unico fattore per me nella decisione di non avere figli biologici. Non voglio dare alla luce bambini in un mondo morente anche se voglio ardentemente essere una madre “.

I ricercatori hanno scoperto che il 6% dei genitori ha confessato di provare rimorso per aver avuto figli. Una madre di 40 anni ha detto: “Mi dispiace di avere i miei figli perché ho il terrore che dovranno affrontare la fine del mondo a causa del cambiamento climatico“.

Lo studio ha indicato che le paure legate al clima per la vita dei loro figli erano radicate in una visione del futuro profondamente pessimista. Dei 400 intervistati che hanno offerto una visione del futuro, il 92,3% era negativo, il 5,6% era misto o neutro e solo lo 0,6% era positivo.

Secondo i ricercatori, tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche su un gruppo più diversificato di persone e in altre parti del mondo; il gruppo di persone intervistate, infatti, viveva negli Stati Uniti e si trattava, in gran parte, di bianchi, istruiti e liberali.

Seth Wynes, della Concordia University in Canada, ha dichiarato che “Il cambiamento climatico sta già influenzando il nostro mondo in modi spaventosi e quindi è certamente ragionevole tenere conto della crisi climatica quando si pensa al futuro della propria famiglia. Poiché il cambiamento climatico continua a peggiorare, è importante capire come le percezioni del futuro possono cambiare il modo in cui le persone comuni pianificano la propria vita. Questo studio è un primo passo per far crescere questa comprensione.”

Fonte: The Guardian

Leggi anche:
Perché possiamo fermare l’apocalisse del clima
L’appello di Greta Thunberg al premier Giuseppe Conte: “Sul clima non c’è più tempo da perdere”
I cambiamenti climatici producono più nuovi sfollati delle guerre

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Potrebbe interessarti anche

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy