Padova: la Questura denuncia i ragazzi di Friday For Future che hanno protestato contro Zara

Il reato? Sdraiarsi in un negozio

Dove sono gli spazi per il dissenso, se ogni azione è passibile di una denuncia penale? Protestare ultimamente sta diventando difficile in Italia.

Se sei un autista di treni e scioperi, dicono che stai scioperando per godere del weekend lungo. Se riempi le città di cortei di protesta, dicono che generi traffico e confusione. Se scrivi un messaggio di pace con i gessetti colorati vieni preso in giro perché “non si risolve nulla”. Se ti sdrai in un negozio di una nota catena di abbigliamento per protestare contro la condotta di quella catena, ti denunciano. 

È successo venerdì 25 ottobre, a Padova, in un negozio della catena di abbigliamento Zara, dove alcuni giovani attivisti hanno inscenato un tipo di protesta scenografica, niente affatto violenta, conosciuta con il nome di “Die-in”. Consiste nello sdraiarsi per terra ed esporsi all’eventualità di venire calpestati nel luogo in cui si ritiene che i valori e i diritti vengono calpestati. 

Zara e brand come H&M traggono profitti miliardari grazie a produzioni low cost che non rispettano l’ambiente e i diritti dei lavoratori, i quali versano, nel silenzio generale, in condizioni inaccettabili in fabbriche delocalizzate in Paesi con scarse o addirittura assenti tutele sindacali, oltre che ambientali. 

Non solo salari mancati, ma anche repressione sindacale, insicurezza sul lavoro e richieste intollerabili di ore di straordinario, con ripercussioni fisiche e psicologiche. 

L’ultima denuncia era arrivata dalla Clean Clothes Campaign (CCC) verso la società svedese H&M. In un report disponibile in italiano qui, emergono dati sconcertanti riguardo ai lavoratori che, a mero esempio, “guadagnano in India e Turchia un terzo della soglia stimata di salario dignitoso. In Cambogia, meno della metà. In Bulgaria lo stipendio dei lavoratori intervistati presso un “fornitore d’oro” di H&M non arriva nemmeno al 10% di quello che necessiterebbero per avere vite dignitose”. Motivi più che bastanti per spingere le nuove generazioni a protestare mediante strumenti pacifici come quelli finora adottati dai ragazzi di Friday for Future

“Il Die-In è una pratica che migliaia di attivist@ in tutto il mondo utilizzano quotidianamente, proprio perché pacifica e scenografica. Mai è successo che il Die-In sia stato considerato pericoloso per l’ordine pubblico da alcuno”, scrive il collettivo di Friday for Future di Padova in un comunicato stampa diffuso dopo gli “avvisi orali” e le denunce per violenza privata fatte pervenire dalla Questura di Padova contro due attivisti FFF. Già, perché le denunce sono state esposte dalla Questura, non da Zara, a riprova che il Paese, dopo il Decreto Sicurezza, è diventato sempre più intransigente nei confronti delle manifestazioni, anche pacifiche. 

L’articolo 23 del Decreto 113/2018 comunemente chiamato Decreto Salvini si occupa di “Disposizioni in materia di blocco stradale” e prende nel mirino chi blocca strade con oggetti, le “ostruisce o le ingombra”. L’attuale Governo non sembra voler modificare l’articolo, nonostante, a detta di Antonello Ciervo dell’Asgi (Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione) “in pratica viene reintrodotto il reato di blocco stradale che era stato depenalizzato nel 1999”. “Il problema”, sottolinea Ciervo, “non è tanto nell’articolo ma quanto nella relazione tecnica introduttiva al decreto che spiega la ratio legis ovvero l’obiettivo della legge che è quello di reprimere le varie forme di assembramento”. 

Vogliono spaventarci – si legge nel comunicato stampa di FFF Padova – perché abbiamo il coraggio di puntare il dito contro il problema. FFF ha sempre attirato questo genere di risposte da vecchi tromboni altisonanti. Il bullismo nei confronti delle giovani generazioni è una piaga che infetta evidentemente anche la Questura della Città. Dove sono gli spazi per il dissenso, se ogni azione è passibile di una denuncia penale?”. 

La domanda, tutt’altro che retorica, esige una risposta, a partire dalla coscienza dei singoli cittadini. 

Stela Xhunga

Stela Xhunga