La solidarietà non è morta!

L’Italia che ci piace dalla Lombardia alla Calabria, passando per gli italiani all’estero

In un solo mese dalla nascita del primo Muro della Gentilezza a Milano sono 10.000 i capi di abbigliamento regalati dai cittadini, oltre a 1500 libri, centinaia di giocattoli e prodotti per l’igiene. Il Muro si trova sulla facciata esterna del Tempio del Futuro Perduto in via Luigi Nono. A diffonderli è l’associazione Nuovo Rinascimento, il collettivo di giovani che organizza e gestisce le attività culturali e solidali all’interno della struttura.

A usufruire di tanta generosità sia i privati che ne hanno bisogno che le associazioni che aiutano i meno abbienti.

A Riace riapre l’ambulatorio medico

Venerdì 7 febbraio è stato riaperto l’ambulatorio medico gratuito chiuso dall’attuale amministrazione filo leghista del sindaco a novembre. L’ambulatorio era nato nel 2017 grazie al sostegno dell’associazione Jimuel-Onlus e allo Studio radiologico di Siderno in collaborazione con il comune di Riace.

Ora grazie a Città Futura, l’associazione che a Riace ha avviato i progetti d’accoglienza, alla determinazione di Domenico Lucano, alla generosità dell’associazione Jmuel e del dottor De Napoli e ovviamente al sostegno della fondazione “È stato il vento” e di tutti quei tanti, tantissimi che vi hanno creduto, si è alzata la serranda del nuovo ambulatorio.

Non solo, a Riace hanno riaperto anche alcuni laboratori artigianali ed è nato un frantoio di comunità che produce un olio buonissimo.
Un pezzetto alla volta la Riace che ci piace ritorna a vivere.

Il pacco di mamma anche se stai all’estero

Potevano inventarselo solo due ragazzi napoletani, Flavio Nappi e Romolo Ganzerli.

Stavano studiando imprenditoria a Parigi e volevano comperare un pacco di Pavesini ma quando hanno visto che costava 7 euro hanno cominciato a pensare che doveva pur esserci un modo per portare la cucina mediterranea a chi viveva all’estero come loro a con prezzi giusti.

Ed ecco che così è nato Mammapack, un supermercato online che serve gli italiani all’estero offrendo i vari prodotti nazionali a prezzi bassi – perché acquistati in Italia – e con spese di spedizione contenute.

Non solo pasta o pomodoro, Mammapack offre oltre 10.000 prodotti e dopo un anno di inizio attività conta 4.000 clienti in 20 Paesi europei.

«Facciamo le veci delle mamme che vogliono sapere se il figlio lontano sta mangiando bene – raccontano Flavio e Romolo – così il nostro cliente tipo è lo studente, la mamma, ma anche il pensionato. Un amore particolare va alla cura del neonato e gli alimenti per i più piccoli».

Non solo cibo: nei pacchi si trovano cartoline d’auguri e a ogni riordino un copia di Topolino degli anni ’80-’90-2000.

Perché non di solo pane vive l’italiano all’estero.

Leggi anche:
Solidarietà alle comunità cinesi
La vita sotto il turbante: dalle detenute alle pazienti, la solidarietà è di moda
Com’è tenace Riace

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Potrebbe interessarti anche

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy