Bullismo - Scuola e sentenza

La vittima può picchiare i suoi persecutori? Può “non essere reato”

Bullismo: scuola, numeri e chi sono le vittime

Dare un pugno a un bullo può “non essere reato”: una sentenza che farà discutere quella emessa dalla Corte di Cassazione col verdetto 22541. A scanso di equivoci va subito tuttavia chiarito che gli ermellini non vogliono in qualche modo legittimare le vittime di bullismo a difendersi da sé, ma sottolineare come l’orientamento dei giudici debba essere “sensibile” verso gli adolescenti vittime di bullismo che hanno reazioni aggressive dopo essere state lasciate sole “dalla scuola e dalle istituzioni” e che non hanno avuto sostegno pubblico e sociale.

Nel merito la Cassazione ha accolto il ricorso dei genitori di un adolescente calabrese che era stato condannato a risarcire un bullo a cui aveva fatto saltare un dente con un pugno.

La reazione della vittima è da capire – afferma la Cassazione – poiché l’adolescente che era stato vittima di bullismo per molto tempo“. Il giudice, in questi casi, non può limitarsi a condannare la violenta reazione con la quale il ragazzo ha rotto denti e labbro al suo persecutore, ma va inserita nel contesto.” (Fonte: TODAY.IT – Bullismo, la vittima può picchiare i suoi persecutori? Cosa dice la sentenza)

Dalla stampa nazionale:

Più del 50% degli 11-17enni riferisce di essere rimasto vittima, nei precedenti 12 mesi, di un qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento. È quanto emerge da una rilevazione  effettuata dall’Istat sui fenomeni del bullismo e del cyberbullismo, i cui risultati sono stati illustrati oggi dal presidente dell’Istituto nazionale di statistica Gian Carlo Blangiardo nel corso di un’audizione presso la Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza. Una percentuale significativa, quasi uno su cinque (19,8%), dichiara di aver subìto azioni tipiche di bullismo una o più volte al mese. In circa la metà di questi casi (9,1%), si tratta di una ripetizione degli atti decisamente asfissiante, una o più volte a settimana. Le ragazze presentano una percentuale di vittimizzazione superiore rispetto ai ragazzi. Più bulli al Nord Le differenze sono sostanziali a livello territoriale: le azioni vessatorie sono più frequenti nel Nord del Paese, dove le vittime di atti di bullismo rappresentano il 23% degli 11-17enni (24,5% nel Nord-est, 21,9% nel Nord-ovest). Considerando anche le azioni avvenute sporadicamente (qualche volta nell’anno), oltre il 57% dei ragazzi al Nord ha subìto qualche prepotenza nel corso dell’anno precedente l’intervista, contro una quota inferiore al 50% nelle regioni centrali e in quelle meridionali. Continua a leggere (Fonte:RAINEWS.IT Bullismo: vittima un adolescente su due, più colpite le ragazze)

  • BULLISMO A SCUOLA, CONSIGLI PER GESTIRLO – Con l’inizio della scuola, oltre agli effetti positivi sulla socialità e sull’apprendimento, ritornano anche eventuali problematiche connesse alla vita tra i banchi: una di queste è, appunto, il bullismo. L’American Academy of Pediatrics (AAP) ha voluto identificare e divulgare una serie di consigli per gestire situazioni di bullismo a scuola nel modo più corretto possibile, per garantire la salute e la sicurezza di bambini e ragazzi.

 Purtroppo nell’ambito della vita scolastica ci possono essere varie forme di bullismo o di cyberbullismo, che si verificano quando un bambino attacca ripetutamente un altro bambino. Inoltre, il bullismo può essere fisico, verbale o sociale ed episodi ad esso legati possono manifestarsi a scuola, nel parco giochi, sullo scuolabus, nel quartiere, su Internet o mediante dispositivi mobili come i telefoni cellulari. Ma, per fortuna, ci sono molti modi per affrontare e gestire il bullismo, soprattutto se si verifica a scuola.  

Ecco, dunque, come comportarsi se ci si accorge che il proprio bambino è preso di mira dai bulli

  1. Avvisate i funzionari scolastici dei problemi e lavorate con loro sulle soluzioni.
  2. Insegnate a vostro figlio a sentirsi a proprio agio nel chiedere aiuto a un adulto di fiducia. Chiedetegli di identificare preventivamente la persona cui può chiedere aiuto.
  3. Riconoscete la natura grave del bullismo e i sentimenti di vostro figlio in relazione all’essere vittima di bulli. Continua a leggere (Fonte: NOSTROFIGLIO.IT  di Sara De Giorgi)

VESTITO DA BATMAN ACCOMPAGNA A SCUOLA UNA BIMBA VITTIMA DI BULLISMO – Mentre la nemesi di Batman, a Milano, seminava il panico in metropolitana con un uomo alquanto ubriaco vestito da Joker, all’altro capo del mondo il Crociato Incappucciato dava dimostrazione di tutte le migliori qualità di un vero supereroe. Jack Asbury, un uomo del posto che spesso veste i panni del Cavaliere Oscuro e conosciuto come The Batman of Spring Hill, si è precipitato a difendere una bambina di 3 anni di Crystal River vittima di bullismo.

La madre della bambina, accortasi che la figlioletta era tornata da scuola con vari lividi e con un occhio nero, ha scoperto che la bambina era stata picchiata da alcuni compagni di classe.

Rivoltasi immediatamente al dirigente della scuola materna al quale ha denunciato l’accaduto, la donna ha purtroppo dovuto assistere all’atteggiamento noncurante della direzione scolastica che non ha preso nessun provvedimento per questi atti di bullismo. Continua a leggere (Fonte: JUSTNERD.IT di Salvatore Miccoli)

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.