Latte in formula e violazioni della legge: ecco le multe previste

Pubblicità scorretta e non solo. Ecco le principali sanzioni in cui si può incorrere in materia di latte artificiale. Mettiti alla prova: lo sai che…?

Il Decreto ministeriale 82/2009 mette chiaramente nero su bianco quali siano le violazioni sanzionabili riguardo produzione, composizione, etichettatura, pubblicità e commercializzazione del latte artificiale destinato ai lattanti (bimbi entro i primi sei mesi di vita) e del latte in formula cosiddetto “di proseguimento” (ovvero quello che si utilizza dopo i primi sei mesi di vita) e il Decreto legislativo 84/2011 specifica quale sia l’importo delle multe nei casi di trasgressione.

Per fare un po’ di chiarezza, Ibfan (International Baby Food Action Network) Italia ha riassunto le principali, e precisa che attualmente la legge italiana:

  • vieta qualsiasi pubblicità e incentivo per aumentare le vendite di latte 1 (0-6 mesi). Nei volantini pubblicitari dei negozi, sui social network, sui siti web, non si può inserire uno sconto o una promozione sui latti 1 (ovvero quelli destinati a neonati di età compresa tra 0 e sei mesi). Questa violazione prevede una multa da 15000 a 90000 €
  • vieta l’uso di espositori speciali per il latte 1 (0-6 mesi). Negli spazi riservati alle vendite non si possono inserire espositori. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • vieta la vendita promozionale di latte 1 (0-6 mesi). Il latte per neonati non può essere venduto in promozione. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • vieta la consegna al pubblico di campioni, di omaggi, premi e buoni sconto di latte 1 (0-6 mesi) Le mamme – ma anche le nonne – non possono ricevere campioni omaggio, premi e buoni sconto, nemmeno online. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • vieta di usare termini come “umanizzato”, “maternizzato”, “adattato” in riferimento al latte 1 (0-6 mesi) e vieta di usare immagini di lattanti o altre diciture che inducano ad idealizzare l’uso del prodotto. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • richiede che l’etichetta del latte 1 (0-6 mesi) rechi obbligatoriamente la dicitura che il prodotto è “idoneo fin dalla nascita” se i bambini non sono allattati, oltre all’indicazione di valore energetico, proteine, carboidrati, grassi, minerali, vitamine nei loro tipi e quantità. Deve inoltre riportare le istruzioni riguardanti la corretta preparazione conservazione e smaltimento nonché i pericoli di una preparazione e una conservazione inadeguate. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • vieta di produrre o diffondere materiale informativo o didattico che possa far intendere che l’alimentazione con la formula equivalga all’allattamento al seno. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • richiede che sulle etichette siano riportate obbligatoriamente le norme e le precauzioni da seguire per la ricostituzione della formula in polvere, sia per il latte 1 (0-6 mesi) che per gli alimenti di proseguimento, in linea con le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità e del ministero della Salute. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • richiede che le etichette riportino obbligatoriamente informazioni tali da permettere un uso appropriato degli alimenti di proseguimento, non scoraggino l’allattamento e che consentano di distinguere chiaramente il latte 1 (0-6 mesi) da quello di proseguimento. Questa violazione prevede una multa da 10000 a 70000 €
  • richiede che per la pubblicità degli alimenti di proseguimento sia evidenziato obbligatoriamente che l’uso sia su consiglio del medico e per bambini oltre i sei mesi compiuti, quando non si dispone di latte materno. Questa violazione prevede una multa da 10000 a 70000 €
  • richiede che nella pubblicità degli alimenti di proseguimento sia riportato obbligatoriamente che il latte materno venga offerto per quanto possibile anche dopo lo svezzamento. Questa violazione prevede una multa da 10000 a 70000 €
  • richiede obbligatoriamente che l’etichettatura del latte 1 (0-6 mesi) e dei latti e degli alimenti di proseguimento consenta al consumatore di distinguere chiaramente un prodotto dall’altro per evitare qualsiasi rischio di confusione tra il latte 1 e i latti e gli alimenti di proseguimento. Questa violazione prevede una multa da 10000 a 70000 €
  • richiede che per gli alimenti di proseguimento sia obbligatoriamente riportata la dicitura che sono idonei a lattanti superiori a 6 mesi compiuti di età e che non devono essere usati in alcun modo al posto del latte materno nei primi 6 mesi compiuti. Inoltre devono evidenziare che la decisione di avviare l’alimentazione complementare sia presa in accordo con un professionista indipendente dell’alimentazione. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • vieta di produrre o diffondere materiale informativo o didattico che possa far intendere che l’alimentazione con la formula equivalga all’allattamento. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • vieta qualsiasi pubblicità del latte in formula negli ospedali, consultori familiari, asili nido, studi medici. Questa violazione prevede una multa da 15000 a 90000 €
  • richiede che sulle pubblicazioni scientifiche vengano riportate obbligatoriamente solo informazioni di carattere scientifico, basate su documentate evidenze che non devono, in nessun modo, avvalorare l’idea che l’alimentazione artificiale sia equivalente o superiore all’allattamento. Questa violazione prevede una  sanzione amministrativa pecuniaria da 15000 a 90000 €
  • vieta di approntare uno spazio prestampato sulla lettera di dimissione per la prescrizione dei sostituti del latte materno. Questa violazione prevede una multa da 15000 a 90000 €
  • vieta alle imprese interessate agli alimenti della prima infanzia di contribuire o sponsorizzare in maniera diretta o indiretta i congressi in cui si parla dell’alimentazione della prima infanzia a meno che non siano proposti da società scientifiche nazionali note per la promozione dell’allattamento. Questa violazione prevede una multa da 15000 a 90000 €
  • richiede che il materiale informativo o didattico per il latte 1 (0-6 mesi) e gli alimenti di proseguimento destinato agli operatori o ai servizi sanitari si basi obbligatoriamente solo su evidenze, sia limitato agli aspetti scientifici e distingua chiaramente il latte 1 (0-6 mesi) dagli alimenti di proseguimento. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • vieta alle aziende sanitarie di acquistare il latte in condizioni di scorrettezza e non trasparenza. Questa violazione prevede una multa da 12000 a 72000 €
  • vieta donazioni e acquisti a prezzi promozionali per distribuzione al di fuori delle aziende sanitarie. Questa violazione prevede una multa da 15000 a 90000 €

Segui la nostra inchiesta! qui gli articoli già pubblicati:

Latte in formula e violazioni della legge: le sanzioni ci sono. Ma nessuno controlla

Prescrizioni illegali di latte artificiale: cosa ne pensa il ministero della Salute?

Latte artificiale ai neonati: molti ospedali indicano alle mamme la marca da usare. Ma è illegale

Prescrizione di latte in formula in dimissione dall’ospedale: è capitato anche a te?

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.

commenta

Miriam Cesta

Miriam Cesta

Giornalista professionista, collabora con diverse testate dedicate al mondo della salute, della medicina e del benessere.