I camper e i van più belli per on the road indimenticabili, secondo Yescapa

Le 5 regole da rispettare per una vacanza in camper

I consigli di Assocamp a neofiti ed esperti

Maximotorhome super attrezzato oppure un compatto, e di tendenza, camper van? Al pari di una barca a vela, il camper offre tutto ciò che serve per viaggiare e abitare: dal soggiorno alla cucina, da comodi letti, talvolta anche in vere e proprie camere separate, a bagni comodi e funzionali, dotati naturalmente di doccia con acqua calda. E molti hanno anche un garage, dove alloggiare le inseparabili biciclette o le più moderne e-bike. L’Italia è uno dei più importanti produttori di camper del mondo: una filiera che coinvolge oltre 7.000 addetti e genera un fatturato annuo di quasi 1 miliardo di euro, con una produzione nel 2020 di circa 20.000 autocaravan di cui l’80% destinato all’esportazione. E mai come in questi tempi di isolamento pandemico il camper ha rispolverato il suo fascino.

Il camper si guida come un’auto

Ci sono modelli e dotazioni di ogni tipo, da quelli vintage a quelli di ultimissima generazione, ogni coppia o gruppo di viaggiatori può scegliere quello che ha le caratteristiche indispensabili per un’esperienza di vacanza indimenticabile. Il primo consiglio è quello di noleggiare un mezzo da un professionista autorizzato, per essere certi di avere un veicolo soggetto a manutenzione, che può viaggiare in piena sicurezza ed evitare ogni rischio che potrebbe compromettere la vacanza. È da tenere sempre presente che il camper è un autoveicolo e come tale viaggia su strada. Tuttavia  la parte abitativa, al pari di una casa, ha a che fare con impianti elettrici, idraulici e del gas.  Oggi il camper si guida come un’automobile. Il servosterzo, l’airbag, l’abs, i freni a disco, l’ESP, garantiscono elevati standard di sicurezza e di comfort in marcia. La maggior parte degli autocaravan sono immatricolati entro i 35 quintali, quindi si possono condurre con la normale patente di tipo “B”. Abituarsi alle dimensioni non è difficile: basta farsi aiutare da qualcuno durante le manovre e ricordarsi che spesso le altezze superano i tre metri.

Il boom del 2020: +30%

La quasi totalità dei concessionari di camper in Italia sono rappresentati da Assocamp, l’Associazione Nazionale Operatori Veicoli Ricreazionali e Articoli per il Campeggio. Nel 2020, Assocamp ha stimato che il numero di viaggiatori che hanno trascorso le proprie vacanze all’aria aperta per la prima volta è volato a +30%. In relazione a questo dato, è da considerare l’aumento delle vendite dei mezzi ricreazionali di nuova immatricolazione che ha visto una crescita rispetto all’anno precedente del +7,44%, ma soprattutto va messo in relazione alle vendite dell’usato che per alcuni affiliati ha toccato punte anche del +50% (sul dato 2019).  Questo aumento esponenziale di viaggiatori neofiti ha coinvolto anche il noleggio, naturalmente. E, viste le premesse sanitarie, il 2021 potrebbe non essere da meno. A patto che, chi viaggia in camper, lo faccia in sicurezza.

Una vacanza ecologica

Camper e caravan (o per dirla alla francese, la roulotte) rispondono perfettamente alle esigenze di sicurezza che abbiamo ormai conosciuto in questa nuova normalità: garantiscono il distanziamento dalle persone, assicurano la condivisione di spazi e la vicinanza solo ai propri congiunti, permettono un’autonomia completa – frigorifero, aria condizionata, wc e docce calde a bordo, in primis – anche in luoghi isolati. Secondo alcuni studi, camper e caravan rappresentano una soluzione di vacanza che ha una sostenibilità maggiore del binomio macchina + hotel (Istituto Heidelberg per l’Energia e la Ricerca Ambientale (Ifeu) e Dipartimento DESTeC dell’Università di Pisa guidato dal prof. Paolo Fiamma), valutata molto (quasi dieci volte) più inquinante, in termini di emissioni di CO2.

Le 5 regole per viaggiare al meglio

In ogni caso trattandosi di un mezzo su quattroruote che viaggia su strade pubbliche e sosta in spazi camping o in parcheggi attrezzati, non va dimenticato che chi lo conduce (ma anche chi lo noleggia) è sottoposto a regole e normative che garantiscano la sicurezza di entrambe le parti. Gli affiliati Assocamp presenti in tutta Italia mettono a disposizione un parco camper sottoposto a controlli periodici severi, con copertura assicurativa attiva anche in caso di incidenti all’estero (con rimpatrio, pernottamento e mezzo sostitutivo), sanificazione professionale prima della consegna, assistenza in caso di criticità e supporto fino a regolare fatturazione a chiusura del servizio. Il turismo all’aria aperta, in Italia, secondo gli ultimi dati disponibili elaborati da CISET (Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica dell’Università Ca’ Foscari di Venezia) nel 2017 ha generato circa 56 milioni di pernottamenti in campeggi e aree di sosta per un fatturato complessivo intorno ai 2,6 miliardi di euro. Numeri che fanno di questo fenomeno una fetta molto interessante del rilancio economico del Paese.

1)    DOCUMENTI IN ORDINE

Verificare sempre che la propria patente sia valida, portare con sé tutto quanto sottoscritto e consegnato dal concessionario: il contratto di noleggio con dati completi, RC e carta di circolazione, assicurazione, che indichino espressamente che si tratta di veicolo “in locazione senza conducente” come previsto dal Codice della strada (art.84) e carte d’identità o passaporti regolari per tutti gli occupanti, soprattutto se si varcano confini esteri. All’atto del ritiro del veicolo verificare insieme al noleggiatore che tutto quanto riportato sul contratto sia veritiero, dalle dotazioni ad eventuali danni nell’abitacolo e nella carrozzeria.

2)  ITINERARI E TAPPE

I concessionari affiliati Assocamp sono una fonte inesauribile di consigli su destinazioni e aree di sosta sia in Italia che all’estero. Offrono sempre spunti interessanti per provare nuove esperienze e visitare luoghi insoliti. È comunque sempre bene, in anticipo, recuperare una guida o scaricare una app (ce ne sono molte, anche a seconda della destinazione) sui luoghi che si è deciso di esplorare. Aiutano sempre velocemente ad individuare i servizi, i camping e i parcheggi dedicati ai camper sia in mezzo alla natura che nelle città.

3)  SICUREZZA E ANIMALI

In movimento, i passeggeri in camper devono stare seduti con le cinture allacciate e i bambini assolutamente ben posizionati e assicurati ai seggiolini a norma di legge. Così come gli sportelli devono essere chiusi correttamente e i bagagli correttamente riposti in armadi e gavoni. Su camper a noleggio, possono essere consentiti gli animali di piccola e media taglia ma questa possibilità va verificata con il centro di noleggio, che provvederà ad eseguire un’igienizzazione apposita anti-allergie alla riconsegna del mezzo.

 4)   TANTO RELAX

Il camper non è solo un mezzo di trasporto ma una vera e propria esperienza in ogni stagione. Per viverla al meglio, Assocamp suggerisce a tutti i viaggiatori di godere della libertà di poter viaggiare portandosi solo l’essenziale – gli spazi sono ridotti, anche il bagaglio lo deve essere, e meno male – e trascorrere il tempo in camper, quando non si esplorano i dintorni, condividendo passatempi come giochi in scatola, libri, disegni o comunque evitando di spenderlo con tablet e pc. Il viaggio in camper è un’esperienza totale, meglio godersela appieno.

5)    MEGLIO SOSTE ORGANIZZATE

Il Codice della Strada consente la sosta dell’autocaravan laddove questa sia consentita alle autovetture (art.185), purché non si aprano finestrini, gradini elettrici, non ci siano oggetti al di fuori del mezzo. Molti quindi viaggiano davvero in libertà alla scoperta del territorio. Ciononostante, ai neofiti consigliamo di appoggiarsi a strutture organizzate come i campeggi e le aree di sosta attrezzate, dove oltre ai servizi, avranno sempre la certezza di incontrare qualcuno più esperto di loro per condividere preziosi e utili consigli di utilizzo.

La quarantena in camper a 1700 metri di un giovane torinese

Si licenziano, costruiscono un camper hi-tech e partono per il giro del mondo

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy