Fonte immagine Vanity Fair

Le altalene rosa Usa-Messico che abbattono i muri

L’installazione artistica che ricongiunge i bambini

Fonte: TG2000

Dalla stampa nazionale:

Bambini, adolescenti, uomini, donne e cani lanciano un messaggio di condivisione e speranza grazie alle altalene poste al confine tra Ciudad Juarez e il Texas da un architetto e professore dell’Università di Berkeley.

Non è affascinante come questo semplice atto di tracciare una linea su una mappa possa trasformare il modo in cui vediamo e viviamo il mondo?». Sono le parole di RonaldRael, l’artista e architetto americano che con delle altalene fucsia ha trasformato in un simbolo di gioia e condivisione la barriera di ferro al confine tra Messico e Stati Uniti costruita per impedire il libero passaggio di uomini, donne e bambini.

Rael è un professore di architettura dell’università di Berkeley in California. Ha sempre avuto a cuore il tema delle migrazioni e nel dicembre scorso durante una conferenza al Ted Talk aveva dato un messaggio molto chiaro per definire cosa può rappresentare una linea di demarcazione: «Cos’è un confine? È una linea su una mappa, un luogo in cui le culture si mescolano e si fondono in modi meravigliosi, a volte violenti e talvolta ridicoli. E un muro di confine? Una risposta eccessivamente semplicistica a quella complessità». Continua a leggere (Fonte: “Un’altalena cancella l’indifferenza: l’installazione al confine tra Usa e Messico che unisce i popoli” – ILSECOLOXIX.IT di Diana Letizia)

Fonte: TED

Fonte immagine: Vanity Fair

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.