Le regole per il rientro a scuola il 14 settembre: le novità

Si riducono le distanze minime tra gli studenti, l’incognita mascherine

Governo e Regioni hanno raggiunto l’accordo definitivo per il rientro a scuola a settembre, dopo le contestazioni ricevute dalla prima bozza presentata del ministero dell’istruzione da parte di un po’ tutti: Regioni, sindacati, dirigenti scolastici.

Le principali novità dell’accordo rispetto alla bozza precedente sono queste:

Distanziamento tra gli studenti e tra studenti e cattedra

La distanza tra gli studenti dovrà essere di almeno un metro “da bocca a bocca” mentre la distanza degli studenti dalla cattedra dovrà essere di almeno due metri. Questi sono i parametri che i dirigenti scolastici dovranno utilizzare per la sistemazione delle aule.

Resta in sospeso il tema “mascherine”, la loro necessità, il dove il come e il quando utilizzarle in aula. Su questo si dovranno avere indicazioni entro la fine di agosto dal ministero della salute, in base alla situazione epidemiologica.

Tramontano definitivamente (si spera) i divisori di plastica tra gli studenti di cui a un certo punto aveva parlato la ministra Azzolina.

Didattica a distanza

Secondo la nuova bozza la didattica a distanza potrà essere utilizzata solo in via complementare alle lezioni in aula e non come sostituto. Salvo il caso di peggioramento delle condizioni sanitarie.

Stanziamento per la scuola e potenziamento (provvisorio) degli organici

Lo stanziamento aggiuntivo per la scuola passa da circa un miliardo a circa due miliardi.

Il miliardo in più dovrebbe essere utilizzato per potenziare l’organico attraverso l’assunzione di nuovi docenti e personale tecnico, amministrativo e ausiliario Si tratta di un punto richiesto dai sindacati, oltre che dalle regioni e dalle varie associazioni di genitori e docenti. Saranno comunque assunzioni a tempo determinato, legate all’emergenza, non daranno luogo ad un aumento strutturale dell’organico.

Cabina di regia e “cruscotto informativo”

Tra i punti più farraginosi della bozza quelli relativi ad una (ennesima) “cabina di regia” e ad un “cruscotto” i cui contenuti non è definito come saranno implementati.

La bozza prevede che sarà istituita una cabina di regia per coordinare le azioni avviate in tutto il territorio e un “cruscotto informativo” dove sia segnalato dove la aule scolastiche non abbiano spazi sufficienti. Dovrebbe contenere anche un software che consenta di verificare se le dimensioni dell’aula sono adeguate rispetto al numero degli studenti che devono ospitare.

Assemblee studentesche

Gli studenti potranno organizzare assemblee online.

Le scelte che si conferma saranno demandate alle scuole

Si conferma che l’organizzazione delle lezioni sarà lasciata all’autonoma scelta di ogni scuola.

In particolare:

  • le classi potranno essere riconfigurate in più gruppi di apprendimento composti da studenti della stessa o di diverse classi o perfino di diversi anni di corso;
  • si potranno prevedere turni differenziati;
  • si potranno aggregare le materie in aree e ambiti disciplinari;
  • si potrà estendere il tempo scuola utilizzando anche il sabato.

Leggi anche:
Scuola: in classe senza mascherina. Le proposte delle Regioni
Alunni “in scatola”, no grazie!
Esame di maturità 2020: «una pagliacciata», ragazzi impreparati e smarriti

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Potrebbe interessarti anche

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy