Estate e ecologia - buone pratiche

L’ecologia non va in vacanza: 3 consigli per un’estate green

L’amore per il pianeta on va in vacanza.

Il rispetto per la natura è un impegno che va mantenuto sempre, senza fare eccezioni in estate o quando esploriamo luoghi nuovi. Qualunque sarà la nostra meta vacanziera e anche se sceglieremo di rimanere in città, esistono buone pratiche e piccole regole quotidiane da mettere in pratica per salvaguardare l’ambiente durante la bella stagione.

Ridurre l’impatto ambientale non significa ridurre relax e divertimento. Dunque, ecco 3 mosse intelligenti per evitare sprechi, dare una mano al pianeta e rendere la nostra estate davvero green.

1. Evitiamo lo spreco di acqua e di energia elettrica – L’acqua è un bene prezioso, ancor più quando le temperature salgono. Il rischio siccità e l’impari disponibilità di acqua potabile per l’intera popolazione mondiale ci impongono di usare questa risorsa in maniera responsabile. Per evitare lo spreco idrico possiamo partire dai piccoli gesti quotidiani: la doccia può durare 5 minuti anziché 10; è possibile utilizzare riduttori di flusso ad hoc; è buona norma controllare che i rubinetti non gocciolino e chiuderli mentre si lavano i denti o si fa la barba. Un’altra mossa eco-friendly è ridurre l’uso di energia elettrica. Tenere spente le luci quando possibile, usare la lavatrice e lavastoviglie a pieno carico e a basse temperature, adoperare in maniera consapevole l’aria condizionata e non dimenticare gli elettrodomestici in stand-by: queste sono solo alcune delle piccole accortezze che possiamo adottare per non sprecare elettricità.

2. Salvaguardiamo il nostro mare e le nostre spiagge – L’inquinamento ambientale rappresenta una delle emergenze più grandi della contemporaneità a causa delle gravi conseguenze su flora, fauna e qualità della vita di ognuno di noi. L’accumulo di rifiuti (costituiti anzitutto da materiale plastico) creatosi nei decenni sta modificando l’aspetto e la qualità di mari e spiagge, luoghi di relax estivo per antonomasia. Agire in prima persona per arginare il fenomeno è fondamentale. Molte istituzioni e realtà si sono mobilitate e si stanno mobilitano per facilitare i cittadini in questo compito. Nell’ambito dell’impegno per la riduzione della plastica, per esempio, Carte d’Or ha stabilito una partnership con WWF Italia, diventando main partner del Tour “Spiagge Plastic Free”, nella Campagna GenerAzione Mare.

Continua a leggere su HUFFINGTONPOST.IT

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!