Leonardo da Vinci, “omo sanza lettere ma genio innato”: tanti gli eventi

Il 2019 è l’anno di Leonardo da Vinci, a 500 anni dalla morte del grande genio rinascimentale moltissime le celebrazioni in Italia, ma anche all’estero

Sono passati cinquecento anni dalla sua morte, avvenuta il 2 maggio 1519 in Francia, ad Amboise, nel castello di Cloux (o Clos Lucé) lungo la Loira, dove Leonardo era ospite da diverso tempo del re di Francia Francesco I. In tutta Italia e in Europa, un ricco calendario di eventi, con mostre e rassegne, ricorderà questo grande artista e il suo talento visionario che ha spaziato in più campi, dall’arte alla scienza… Leonardo era musico, ingegnere, scultore, architetto e pittore, ma nella rigida gerarchia dei mestieri era iscritto alla corporazione dei pittori prima a Firenze e poi a Milano, dove passò 17 anni della sua vita… (dal libro “Leonardo genio senza pace”, dello storico rinascimentale Antonio Forcellino).

La cultura scientifica e matematica di Leonardo è largamente rappresentata con i disegni, le opere, i modelli dei progetti e delle macchine che ha inventato e che ci ha lasciato. Su di lui e le sue opere si è costruito un mito, ma in tanti casi la vita spesso tormentata dell’uomo, il carattere e la personalità è rimasta in ombra rispetto all’artista… A trentotto anni, dopo 8 anni passati alla Corte del Duca di Milano, a cui si era offerto otto anni prima con una presentazione di Lorenzo il Magnifico, signore di Firenze e suo primo protettore, era nel pieno della sua maturità artistica e fisica. Aveva il corpo poderoso di un atleta e armonioso come una statua greca, il viso bello e con occhi vivaci, un naso dritto, capelli ben curati. Curava la sua eleganza con attenzione, tanto da essersi fatto notare alla Corte di Ludovico il Moro per il garbo e l’originalità del suo vestire….(da “Leonardo genio senza pace”)

Leonardo nasce il 15 aprile 1452 nel piccolo borgo di Vinci, nella Val d’Arno, non lontano da Firenze. Leonardo è figlio illegittimo, come scrivono gli storici, e in quanto tale non riceverà una regolare forma di istruzione che prevedeva, per le famiglie borghesi fiorentine, l’insegnamento della grammatica italiana, nozioni di matematica e soprattutto di latino. Probabilmente è lo zio Francesco che gli insegna a leggere e a scrivere. Leonardo è mancino, ma imparerà a scrivere con tutte e due le mani; non c’erano aspettative intellettuali sul suo conto, in quanto illegittimo, e nessuno perse tempo a correggerlo. Più tardi, con una certa provocazione, si proclamerà “omo sanza lettere” ma, con una irrefrenabile volontà di riscatto, si cimenterà in nuove forme di conoscenza e in imprese straordinarie.

Di Leonardo si conoscono le opere più famose, come La Gioconda o la Vergine delle rocce che sono conservate al Louvre. Molto nota è anche La dama con l’ermellino che ritrae Cecilia Gallerani, la giovane amante di Ludovico Sforza, il Duca di Milano. Molti hanno visitato il Cenacolo a Santa Maria Delle Grazie a Milano o la Galleria degli Uffizi a Firenze dove sono conservate opere come l’Annunciazione e il Battesimo di Cristo (opere giovanili, quando il maestro era nella bottega di Andrea del Verrocchio) e l’Adorazione dei Magi (opera rimasta incompiuta). È stata proprio Firenze con gli Uffizi la prima città ad avviare le celebrazioni, già dal 2018, con la mostra dedicata al Codice Leicester, l’acqua microscopio della natura (fino al 20 gennaio 2019), dove è stato possibile ammirare il manoscritto prestato da Bill Gates e i progetti che vi sono  contenuti, il tutto sfogliabile grazie alla tecnologia multimediale.

È dunque adesso il momento giusto per intraprendere un viaggio o di metterlo in programma: per ripercorrere le sue orme, nei luoghi dove visse e realizzò i suoi capolavori, ma anche per partecipare ad uno spettacolo e visitare una mostra in altre città. Anche in Francia, dove visse alcuni anni prima di morire e dove sono già programmati 500 eventi, da aprile 2019 a gennaio 2020. Nella regione Centro – Valle della Loira – ci sarà un grande festival incentrato sul Rinascimento e sul genio italiano, morto al castello del Clos Lucé ad Amboise: spettacoli, mostre, convegni, visite e itinerari, tra i quali l’esposizione dell’arazzo che riproduce fedelmente l’Ultima Cena, per la prima volta presentato fuori dai Musei Vaticani e dall’Italia.

Moltissimi gli eventi soprattutto in Italia, ecco una breve carrellata di quelli programmati nelle principali città e a Vinci (Firenze), il suo paese natale.

A Torino dal 16 aprile al 14 luglio 2019 i Musei Reali di Torino mettono in mostra 13 lavori autografi acquistati dal re Carlo Alberto e il Codice sul volo degli uccelli. La mostra si intitola Leonardo da Vinci. Disegnare il futuro: tra i lavori, il celebre Autoritratto, gli studi per la Battaglia di Anghiari, l’angelo per la Vergine delle rocce. Accanto alle opere di Leonardo, anche lavori di Raffaello, Michelangelo, Bramante. Info a questo link

Vergine delle Rocce
Vergine delle Rocce

A Milano, molto ricco il calendario milanese dedicato a Leonardo da Vinci. In attesa del nuovo allestimento del Museo della Scienza e della Tecnologia, previsto per l’autunno, ecco alcuni appuntamenti selezionati:

  • Il meraviglioso mondo della natura (dal 5 marzo al 7 luglio a Palazzo Reale, date provvisorie), mostra dedicata al rapporto tra Leonardo e la natura della Lombardia del Cinquecento. Suggestivo l’allestimento: opere di ispirazione leonardesca saranno fatte dialogare con reperti del Museo di Storia Naturale
  • La cena di Leonardo per Francesco I: un capolavoro in seta e argento, mostra che dal 7 ottobre al 17 novembre porta a Milano l’arazzo dei Musei Vaticani che raffigura il Cenacolo leonardesco (una delle prime copie dell’affresco) Info: https://www.arte.it/leonardo/mostra/la-cena-di-leonardo-per-francesco-i-un-capolavoro-in-seta-e-argento-59019
  • Veneranda Biblioteca Ambrosiana. Il museo, che conserva il Ritratto di Musico, propone varie esibizioni dedicate a Leonardo. I segreti del Codice Atlantico, Leonardo all’Ambrosiana presenta fino al 19 marzo i disegni legati a Milano, mentre fino al 16 giugno i progetti di macchine belliche e gli studi di ingegneria civile. Leonardo in Francia. Disegni di epoca francese dal Codice Atlantico (dal 18 giugno al 15 settembre) approfondisce invece gli ultimi anni di attività del Maestro, con 23 fogli dal Codice Atlantico. Infine, dal 17 settembre al 12 gennaio 2020 ecco Leonardo e il suo lascito: gli artisti e le tecniche: qui si indaga il ruolo di Leonardo nel portare a Milano nuove tecniche di disegno. Info:https://www.ambrosiana.it/

E inoltre, sempre a Milano, in autunno a Palazzo Litta sarà aperta la mostra La corte del gran maestro. Leonardo da Vinci, Charles d’Amboise e il quartiere di Porta Vercellina, con due fogli del Codice Atlantico nei quali Leonardo traccia il disegno dell’isolato della sua residenza milanese (l’attuale Palazzo Litta). Alla Fondazione Stelline (dal 2 aprile al 30 giugno) una rilettura contemporanea dell’Ultima Cena con la presenza di importanti artisti, protagonisti della scena contemporanea dal titolo L’Ultima Cena dopo Leonardo.

A Venezia, alle Gallerie dell’Accademia, dal 19 aprile fino al 14 luglio, la mostra Leonardo da Vinci. L’uomo è modello del mondo presenta i 25 fogli di Leonardo appartenenti al museo veneziano, tra cui il celebre studio noto come Uomo vitruviano. Dall’Ermitage arriva anche la Madonna Litta. Info:http://www.gallerieaccademia.it/

A Genova l’Associazione Art Commission presenta la mostra d’arte contemporanea Leonardesca (27 aprile-31 maggio), allestita al Museo di Sant’Agostino. Nell’allestimento saranno esposte le opere di 19 artisti, chiamati a cogliere gli spunti che il Maestro ha disseminato nelle sue opere e a interpretarli attraverso i linguaggi artistici del contemporaneo.

A Firenze è annunciata la mostra “Leonardo da Vinci e la botanica” nel complesso di Santa Maria Novella che dovrebbe svolgersi tra settembre e dicembre, mentre tra gli eventi già in corso o programmati: a Palazzo Strozzi, dall’8 marzo fino al 14 luglio 2019 la mostra dedicata al Verrocchio, il maestro di Leonardo, con opere anche di Botticelli, Perugino, Ghirlandaio. Esposti anche alcuni disegni e studi di Leonardo e a Palazzo Vecchio, dal 29 marzo al 24 giugno 2019, nella sala dei Gigli, Leonardo e Firenze, una selezione di fogli attinenti a lavori e studi svolti da Leonardo a Firenze.

A Vinci (FI) si alterneranno mostre a lui dedicate presso il Museo Leonardiano/Castello dei Conti Guidi. Nel museo, sede anche di un’esposizione permanente, dal 15 aprile al 15 ottobre 2019, andrà in scena la mostra Leonardo da Vinci. Le origini del Genio che presenta la sua prima opera datata, il Paesaggio prestato dagli Uffizi. Presso la Fondazione Rossana & Carlo Pedretti, nella Villa Baronti-Pezzatini, avrà luogo la mostra Leonardo Scultore, in cui si potrà ammirare l’Arcangelo Gabriele, unica scultura del Maestro. E dal 6 settembre al 6 gennaio 2020 la mostra L’Orfeo di Leonardo. Scene, feste e costumi, per celebrare Leonardo come scenografo di spettacoli teatrali.

A Roma la mostra alle Scuderie del Quirinale intitolata Leonardo da Vinci. La scienza prima della scienza va in scena dal 13 marzo al 30 giugno 2019. L’esposizione ripercorre l’opera di Leonardo sul fronte tecnologico e scientifico e traccia le connessioni culturali con i suoi contemporanei, per offrire una visione più ampia di questa grande figura, spesso presentata come genio isolato. Oltre a corsi e laboratori didattici ospitati direttamente all’interno delle Scuderie del Quirinale, la città di Roma diventa inoltre palcoscenico dell’iniziativa Leonardo in città una ricca serie di appuntamenti e incontri sulla figura di Leonardo e sul suo pensiero.

Altre fonti:

https://www.touringclub.it/notizie-di-viaggio/leonardo-da-vinci-gli-eventi-e-le-mostre-in-italia-per-celebrare-i-500-anni-dalla

Leonardo 2019: le mostre e gli eventi nei cinquecento anni dalla morte del genio Da Vinci
Elisa Poggiali

Elisa Poggiali

Ingegnere ambiente e territorio, membro del database 100 esperte.it nei settori S.T.E.M., si occupa di ambiente, tecnologia, innovazione e networking per la sostenibilità.

Elisa Poggiali

Elisa Poggiali

Ingegnere ambiente e territorio, membro del database 100 esperte.it nei settori S.T.E.M., si occupa di ambiente, tecnologia, innovazione e networking per la sostenibilità.