Libri per nutrire l’anima e tonificare i muscoli

I 13 migliori libri che ho letto (non di fantascienza)

Cent’anni di solitudine di Gabriel Garcìa Màrquez
«Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendía si sarebbe ricordato di quel remoto pomeriggio in cui suo padre lo aveva condotto a conoscere il ghiaccio. Macondo era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica costruito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche. Il mondo era così recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito».

 

Teresa Batista stanca di guerra di Jorge Amado
“L’allegria è una pianta capricciosa, difficile da coltivare, che fa poca ombra, che dura poco e che richiede cure costanti e terreno concimato, né secco né umido, né esposto ai venti, insomma una coltivazione che viene a costar cara.”

 

 

 

 

Per chi suona la campana di Ernest Hemingway
“Nessun uomo è un’Isola, intero in se stesso. Ogni uomo è un pezzo del Continente, una parte della Terra.”

 

 

 

 

 

Il Falcone Maltese di Dashel Hammet
Una mattina si presenta nell’ufficio dell’investigatore privato Sam Spade, a San Francisco, una giovane donna. Dice di chiamarsi Wonderly e di avere un grosso problema. La ragazza è davvero una meraviglia, almeno secondo il parere di Effie Perine, la segretaria di Sam Spade. Miss Wonderly ha 22 anni, è alta, magra ma non troppo, un bel seno, gambe lunghe e sottili, così come le braccia.

 

 

Il grande sonno di Raymond Chandler
“- Come lo vuole il Brandy?
– Nel bicchiere.”

 

 

 

 

 

Il Socio di John Grisham
Mitchell McDeere, dopo essersi laureato all’Università di Harvard dibattendosi tra le ristrettezze economiche, accetta di entrare a far parte, dietro un lauto stipendio, di uno studio legale molto florido ma semisconosciuto a Memphis, dove si trasferisce insieme alla moglie Abby. Lo studio però nasconde molti segreti ai nuovi associati.

 

 

 

Breve storia di (quasi) tutto di Bill Bryson e M. Fillioley
“L’un per cento circa dei disturbi elettrostatici è dovuto a questo antico residuo del Big Bang. La prossima volta che non vedete niente sullo schermo, invece di lamentarvi, ricordate che state assistendo alla nascita dell’universo.”

 

 

 

 

Lo zen e l’arte della manutenzione della motociclettadi Robert Maynard Pirsig Li
“Se non ti diverti a urlare, su una moto in corsa non fai grandi conversazioni. Invece passi il tempo a percepire le cose e a meditarci sopra. Su quello che vedi, su quello che senti, sull’umore del tempo e i ricordi, sulla macchina che cavalchi e la campagna che ti circonda, pensando a tuo piacimento, senza nulla che t’incalzi, senza…”

 

 

La Lunga Marcia. Conversazioni con Chu Teh di Agnes Smedley
Da una serie di conversazioni con il leggendario comandante dell’Esercito popolare di liberazione cinese, la giornalista americana Agnes Smedley ha ricostruito la vita e i tempi di Chu Teh, dal crollo della dinastia Manciù alla vittoria della rivoluzione cinese.

 

 

 

Una ballata del mare salato di Hugo Pratt
“Sono l’Oceano Pacifico e sono il più grande di tutti. Mi chiamano così da tanto tempo, ma non è vero che sono sempre calmo. A volte mi secco e allora do una spazzolata a tutto e a tutti. Oggi ad esempio mi sono appena calmato dall’ultima arrabbiatura. Ieri devo aver spolverato via tre o quattro isole e altrettanti gusci di noce che gli uomini chiamano navi…”

 

 

Il maestro e Margherita di Michail Bulgakov
“Seguimi lettore! Chi ha detto che non c’è al mondo un amore vero, fedele, eterno? Gli taglino la lingua malefica a quel bugiardo! Seguimi lettore e io ti mostrerò un simile amore! No, si ingannava il maestro quando all’ospedale, verso mezzanotte diceva con amarezza a Ivanuska che essa l’aveva dimenticato. Questo non poteva accadere. Lei naturalmente non l’aveva dimenticato…”

 

 

Huckleberry Finn di Mark Twain
Huckleberry era cordialmente detestato e temuto da tutte le madri del paese, perché era un fannullone, un fuorilegge, volgare e cattivo – e perché tutti i loro figli lo ammiravano da morire, e per divertirsi cercavano la sua compagnia proibita, e avrebbero tanto voluto avere il coraggio di essere come lui. […] Huckleberry indossava sempre abiti smessi, da adulto: un perenne e svolazzante trionfo di stracci.

 

 

Manoscritto ritrovato a Saragozzadi Jan Potocki e R. Caillois
Una “avvertenza” in apertura del romanzo informa del ritrovamento di un manoscritto scritto in spagnolo e successivamente tradotto in francese dall’autore del ritrovamento (il francese è in effetti la lingua in cui il polacco Potocki scrisse il romanzo). Il “manoscritto” altro non è che il romanzo che inizia subito dopo, ambientato in Spagna, suddiviso in sessantasei giornate, il cui protagonista e narratore in prima persona è Alfonso van Worden.

 

 

 

 

Vedi anche: I 7 migliori libri di fantascienza

Commenta con Facebook
Jacopo Fo

Jacopo Fo

Scrittore, teatrante, regista, disegnatore, è Direttore creativo di People For Planet.

commenta

Jacopo Fo

Jacopo Fo

Scrittore, teatrante, regista, disegnatore, è Direttore creativo di People For Planet.