L’indiano Apu dei Simpson è davvero espressione di razzismo?

A più di trent’anni dalla prima puntata, i tempi cambiano e con essi, evidentemente, anche l’umorismo

Creata dal fumettista Matt Groening nel 1987, The Simpson è una tra le sitcom animate più popolari di sempre. Ambientata nella cittadina statunitense di Springfield, il cartone vuole essere una parodia satirica della società e dello stile di vita statunitense.

Ma, a più di trent’anni dalla prima puntata, i tempi cambiano e con essi anche l’umorismo, evidentemente. La serie animata sembrerebbe aver deciso di lasciar cadere il suo personaggio storico Apu Nahasapeemapetilon, il commerciante indiano padre di otto gemelli che è divenuto oggetto di critiche in quanto incarnazione dei luoghi comuni più beceri, e per molti, stereotipo razzista di come gli occidentali vedono gli Indiani.

Facciamo un passo indietro: nell’autunno 2017, il comico americano di origini indiane Hari Kondabolu produce il documentario The Problem with Apu, nel quale vengono messi in evidenza un insieme di luoghi comuni, stereotipi culturali e razziali che il personaggio di Apu incarna nel famoso cartone animato americano. Come se non bastasse, il proprietario del Jet Market di Springfield è anche doppiato dall’attore bianco Hank Azaria: Apu sarebbe quindi, secondo Kondabolu, nient’altro che “un uomo bianco che fa l’imitazione di un uomo bianco che prende in giro mio padre”.

Come prevedibile, non si sono fatte attendere molto le critiche alle quali i creatori dei The Simpson e lo stesso doppiatore hanno reagito piuttosto fermamente, difendendo la loro libertà creativa e la libertà di portare in scena una satira volta solo a divertire; il personaggio di Apu è infatti una caricatura di quello che rappresenta la minoranza indiana in America, creata solo per strappare qualche risata.

La notizia del malcontento raggiunge rapidamente diversi personaggi di spicco del settore, tra cui il produttore Adi Shankar che, nel mese di aprile, aveva lanciato un concorso di sceneggiatura aperto a tutti nel tentativo di riscrive il personaggio in una chiave più attuale e con l’intento di “sovvertire Apu in maniera intelligente, mostrandone un altro aspetto che lo trasformi in un ritratto fresco, divertente e realistico degli indiani che vivono in America“. Nonostante il produttore Shankar abbia trovato la sceneggiatura perfetta, la sua operazione di riabilitazione del personaggio sembrerebbe essere stata inutile: l’indefesso lavoratore che gestisce un supermarket h24, coltissimo e titolato dottore in informatica, potrebbe lasciare lo show, dal momento che la Fox starebbe pensando di rimuoverlo in maniera definitiva dalle prossime stagioni per evitare ulteriori polemiche.

Mentre la Fox e i produttori stanno ancora decidendo cosa dichiarare ufficialmente sulla sorte di Apu, il web si divide tra i buonisti del politicamente corretto e il malcontento di chi s’interroga su quale sia il limite tra l’offesa e la satira, riportando l’attenzione sui diversi personaggi stranieri di Matt Groening , tutti ottimi stereotipi: che cosa dovrebbero dire gli italo-americani rappresentati nella serie dai due italiani Tony Ciccione e Luigi, non a caso un mafioso e un pizzaiolo in evidente sovrappeso? Forse, ossessionati dalla volontà di difendere il politicamente corretto e il terrore di rischiare di offendere qualcuno, stiamo perdendo la capacità di ironizzare su noi stessi.

Commenta con Facebook
Claudia Faverio

Claudia Faverio

Collabora con People For Planet come social media manager e content analyst

commenta

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Collabora con People For Planet come social media manager e content analyst