Gli strani casi dell’animo umano: “Quelli che… scusa, è più forte di me”

Può darsi… ma non invocare attenuanti

Oggi ho voglia «de fà ‘na cazzata».

Che so: aprire una mail con allegato dal titolo «Non credevo fosse possibile», mandare un messaggio a un ex fidanzato con scritto «ti ho sognato», definire «maschio» un gioco ricco di agonismo…

Sono tanti i comportamenti che oggi vengono messi in atto apparentemente senza pensare. E che proprio dietro questa mancanza di premeditazione credono di trovare una attenuante. Comportamenti individuali e sociali dalle ricadute importanti e che, spesso, vengono invece minimizzati.

Vediamone alcuni, più o meno seri:

Lui e lei sono in macchina

Uno/a dei due guida, l’altro/a è a fianco.
«Perché passi di qua? Non avremmo fatto prima di là? Attento/a a questo. Accelera, frena. Perché non hai parcheggiato qui? Vai lì».
Ci sarà un motivo per cui le bambine giocano a “mamma e figlia” o perfino al dottore (quale bambino ama andare dal dottore?!?) ma mai a “mamma e papà”!
#NonProvateArifarloAcasa
#TieniLaDestra
#PoiDiceCheUnoSiButtaAsinistra

«Io non sono razzista ma…»

«…ma quando vedo che al Pronto Soccorso devo aspettare 4 ore perché è pieno di immigrati…»
Notizia: sì, sei razzista. Perché il problema non sono gli immigrati, ma il malfunzionamento del Sistema Sanitario. Quindi la colpa è della Politica e dell’Amministrazione. Cerchi qualcuno con cui prendertela? #PrimaGliItaliani #CèUnMedicoInSala #DalRazzismoSiGuarisce

«Scusi, ma ci ho messo un attimo!»

Questa è solo la prima delle innumerevoli frasi sbrigative da evitare se avete parcheggiato in doppia fila e qualcuno sta suonando il clacson per tentare di uscire dal suo legittimo parcheggio. Anche perché, con tale gesto, state dichiarando che il vostro tempo valga più di quello dell’altro. Si sconsiglia anche:
– «e che sarà mai»
– «non c’è bisogno di fare tutto questo rumore»
– «guardi che con un po’ di fatica sarebbe uscito»
#UnPoDiFaticaMiaMicaTua
#AquantoPareCeraBisogno #IlRumoreDiUnaChiaveSulloSportelloFaPiùMale

«So che non dovrei dire questa cosa ma…»

Affermazione tipica genitoriale, ma non solo: So che questa cosa ti fa arrabbiare ma… So che questa cosa ti fa soffrire ma… L’errore sta nel “ma”. Ripetiamo insieme: «So che questa cosa non dovrei dirla.. e infatti non te la dirò»
#Amen
#RipetiamoInsieme
#AscoltaciOSignore

«Lavali col fuoco!»

Signore e signori… la discriminazione territoriale! Argomento di stretta attualità.
Per anni abbiamo cantato “Un solo grido, un solo allarme, Milano in fiamme” e nessuno ha mai creduto che, in cambio di un solo, economico cerino, avremmo acquistato a nostre spese un biglietto del treno, raggiungendo anche Torino. Però c’è un però.
Col passare del tempo, abbiamo capito che la lingua – oltre a raccontare la realtà – la disegna anche. Ne struttura forme e valori.
Non si tratta di tifare per il Vesuvio in un derby tutto napoletano tra uomo e natura, è ovvio, ma “solo” di essere chiamati a essere migliori.
#OBbuonoèBbuonoMaOmeglèMegl
#AlèOoAlèOo

«Ti ho picchiato/a ma…»

… non l’ho fatto apposta.
Ti ho insultato/a, ferito/a ma ero solo arrabbiato/a.
Comportamento messo in atto da uomini e da donne. Si sottovaluta spesso il maltrattamento agli uomini, in casa. La manipolazione e le offese femminili nei confronti degli uomini, pari a quelle a generi inversi.
E spesso i maschi non raccontano né denunciano le forme di violenza perché vittime degli stereotipi culturali che li imprigionano.
Chi ti ama non ti insulta, non ti umilia, non ti ferisce. In nessuna forma, men che meno reiterata. Mai.
#PariOpportunitàAnchePerGliUomini
#AmateEAmatevi
#LasciateChiNonViAmaEAmereteVoiStessiDiPiù #ScusaSeTiChiamoAmòEPoiMeNeVo

Oggi ho voglia non solo di evitare «’na cazzata», ma anche di fare una cosa allegra e positiva, figlia dell’istinto e del pensiero: binomio che ci rende esseri meravigliosi. E quindi, che so, scardinare una mia pigrizia figlia del «ho sempre fatto così» e provare a essere migliore di ieri, per esempio…
Ok, ok, e parcheggerò anche meglio, lo giuro.

Valeria Biotti

Valeria Biotti

Giornalista, autrice satirica, speaker radiofonica, vignettista, scrittrice, cantante. Ha al suo attivo collaborazioni con parecchie testate, tra cui Il Fatto Quotidiano e Pubblico. Attualmente scrive sul Corriere dello Sport e trasmette ON AIR sui 104.200 FM di Retesport.

Valeria Biotti

Valeria Biotti

Giornalista, autrice satirica, speaker radiofonica, vignettista, scrittrice, cantante. Ha al suo attivo collaborazioni con parecchie testate, tra cui Il Fatto Quotidiano e Pubblico. Attualmente scrive sul Corriere dello Sport e trasmette ON AIR sui 104.200 FM di Retesport.