L’Unione Europea continua a finanziare i combustibili fossili

Non passa al Parlamento Europeo la proposta di impedire all’industria dei combustibili fossili l’accesso ai nuovi fondi

Ieri l’Unione Europea ha deciso di continuare a investire nelle fonti fossili con il Recovery Fund. La bozza votata a Bruxelles dalle commissioni Affari economici e Budget non prevedeva alcuna restrizione in merito, come invece aveva chiesto la commissione Ambiente. Dunque quanto votato da quest’ultima a ottobre non è stato avallato ulteriormente dalla bozza negoziata tra i principali partiti del Parlamento, tra cui il Partito popolare europeo, il Renew Europe e il Partito dei socialisti europei.

Nulla di nuovo

Altri gruppi politici volevano fare un elenco di tipi di progetti che sarebbero stati esclusi fin dall’inizio dal finanziamento attraverso questo meccanismo.” – ha scritto sul suo blog il parlamentare rumeno del PPE Siegfreid Muresan, relatore della proposta – “Volevano un divieto esplicito di finanziare gli investimenti nei combustibili fossili, compreso il gas. Siamo riusciti a evitare tale elenco, soprattutto perché, per la Romania, il gas, basato su tecnologie moderne, è un’alternativa di carburante meno inquinante che può essere utilizzata durante la transizione verso un’economia verde”.

Nessun reale Green Deal

Una ricerca pubblicata sul Guardian stila una classifica globale che rivela che sono molti pochi i Paesi che stanno destinando fondi affinché la ripartenza post covid si tinga di verde. Nell’UE solo Francia, Spagna, Regno Unito e Germania hanno realizzato programmi che tengono conto dell’impatto ambientale con iniziative a basse emissioni di carbonio come l’energia rinnovabile, i veicoli elettrici e l’efficienza energetica. In particolare la Francia e la Germania hanno stanziato rispettivamente circa 30 e 50 miliardi di euro di stimolo aggiuntivo per la spesa ambientale.A questi non è affatto allineata l’Italia, per la quale le conseguenze  negative superano quelle benefiche.

Monopattino elettrico: qual è il suo reale impatto ambientale?

Come saranno le città dopo il Covid?

Caterina Conserva

Caterina Conserva

Giornalista con la passione per l'ecologia, i libri e le lunghe camminate in giro per il mondo

Potrebbe interessarti anche

Caterina Conserva

Caterina Conserva

Giornalista con la passione per l'ecologia, i libri e le lunghe camminate in giro per il mondo

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy