Ma chi l’ha detto che non si può sfamare il mondo rispettando l’ambiente?

I sistemi alimentari devono urgentemente diventare sostenibili e operare entro i limiti ecologici del pianeta

Farm to Fork”. Lo scopo dichiarato nel documento preliminare a quest’ultima, presentato a fine maggio, è di avviare la transizione verso un sistema agro-alimentare più sostenibile.

Biodiversità e fertilità: la rigenerazione dei suoli e l’agricoltura biologica

In particolare tra gli obiettivi c’è il ruolo positivo attribuito all’agricoltura biologica con l’impegno al raggiungimento del 25% della superficie agricola europea (SAU) in biologico e il 10% delle aree agricole destinate a infrastrutture verdi per la conservazione della natura, in coerenza con l’altra importante Strategia 2030 per la Biodiversità e sottolineando la dipendenza dell’agricoltura dalla tutela della biodiversità.

La biodiversità e la fertilità dei suoli, come il ruolo dell’agricoltura biologica, avranno quindi attraverso questi documenti e i conseguenti investimenti e norme, anche da parte dell’Unione, il riconoscimento di obiettivo primario per lo sviluppo socioeconomico, per il contrasto al crescente inquinamento diffuso di molte aree agricole e anche al rischio desertificazione che è ormai una minaccia in tutti i continenti, non solo in quelli dal clima arido e secco.

La desertificazione minaccia anche l’Italia

In Italia è a rischio desertificazione oltre il 20% del territorio nazionale, il 40% di questo è nel Sud del Paese, ma anche la pianura padana è tra questi territori. La desertificazione di origine umana deriva da più attività e comportamenti: da un lato lo sfruttamento agricolo intensivo, l’urbanizzazione, l’allevamento intensivo ed estensivo; dall’altro la deforestazione, gli incendi, e soprattutto l’inquinamento, anche derivanti dai pesticidi. I suoli diventano poveri di sostanze fertili, di tutto quell’ecosistema di organismi e microorganismi (batteri, lombrichi, funghi, ecc.) necessari a fissare l’azoto atmosferico e di formare la simbiosi con le piante che la biodiversità garantisce.

Oggi l’agricoltura solo estrattiva che non si basa su un approccio anche rigenerativo, non produce qualità e valore, ma lo toglie solo all’ambiente. Inquinamento e perdita di fertilità del terreno, oltre ad essere improduttivi, possono farci ammalare e creare un clima più favorevole allo sviluppo di virus.

Rigenerare i suoli, primo passo per la sostenibilità

Sono le parole anche dell’amministratore delegato di Novamont e Presidente del Kyoto Club, Catia Bastioli: “La cura della Terra è il primo passo essenziale della svolta nello sviluppo, non solo tecnologico, del mondo moderno”. E la rigenerazione dei suoli, con filiere tecnologiche e integrate in grado di rigenerare continuamente il capitale naturale in maniera circolare, è alla base di questo necessario modello.

E dunque largo ai progetti di recupero dell’organico come compost di qualità, progetti di “biogas farms” con recupero del biogas dalle colture e uso di digestato come fertilizzante (il cosiddetto “Biogas fatto bene”), spazio ai bioerbicidi o alle tecniche meccaniche o bioplastiche per togliere gli infestanti, rotazioni colturali più lunghe, pascolamento animale controllato anche all’interno delle colture di pieno campo, agricoltura di precisione per la riduzione degli sprechi (monitoraggi, sensori, telerilevamento, metodi satellitari), fino al semplice riuso interno all’azienda delle deiezioni di allevamento, come principio base della circolarità. Questi punti hanno come conseguenza un aumento della biodiversità microbica del suolo e il progressivo consolidamento della sua struttura, aumentandone la capacità di infiltrazione e ritenzione di acqua e la stabilità della sostanza organica oltre ai molteplici ecoservizi simbiotici alle piante. Ovvero rigenerano un terreno mentre esso, coi suoi cicli di fermo e ripartenza, produce.

Ma il biologico e queste tecniche possono davvero sfamare il mondo?

Un tema molto usato dai detrattori dell’agricoltura biologica è quello dell’impossibilità di riuscire a produrre cibo per tutta la popolazione mondiale, in continua crescita, con sistemi rispettosi dell’ambiente e in totale assenza di pesticidi sintetici.

Ma è vero che non esistono alternative da offrire al mondo intero se si vuole supportare la crescente domanda di alimenti, mangimi e fibre? Possibile che le strategie europee si muovano in queste direzioni senza essere supportate da dati concreti? Possibile che non si possa pensare a modelli agricoli più vasti che, come il biologico, non depredino la terra delle sue risorse lasciandola povera e inquinata? Che per mangiare tutti non ci sia alternativa ad una alimentazione con cibo di minore qualità o spazzatura?

Dati che provengono dagli ultimi studi di modellistica a livello planetario pubblicati nel Dicembre 2017 su Nature dicono che i valori di diminuzione delle produttività ad ettaro in seguito all’adozione dell’agricoltura biologica sono stimabili in una misura compresa tra l’8 e il 25% (Muller et al., 2017).

È comunque necessario riflettere su un aspetto più generale. Si tende a considerare la questione sotto il profilo dell’uso degli spazi senza guardare alla dimensione del tempo. Comparare le diverse gestioni, convenzionale e biologica, in termini di produttività o di resa economica e stilare giudizi sulla base di un bilancio contabile “per ettaro e per anno” significa perdere di vista uno dei motivi di fondo che giustificano oggi la scelta di pratiche conservative: evitare all’ambiente impatti di sempre più difficile reversibilità nella prospettiva di lungo periodo. In questo senso, il solo confronto in redditività del prodotto o in superficie necessaria resta un esercizio parziale poiché si tralascia di mettere a bilancio la possibilità di sostenere le produzioni nel tempo, diminuendo progressivamente l’input di risorse o i danni ambientali e sociali. Per questo, anche se l’agricoltura biologica non dovesse mai riuscire a equiparare i ricavi su base annua di quella convenzionale e se la qualità dei prodotti non risultasse migliore, la sua attuazione resterebbe un compromesso che ha una contropartita di natura ecologica il cui valore va misurato con ben altro metro e giudicato, a livello scientifico e politico, con i modelli predittivi opportuni.

L’agricoltura integrata non è un’alternativa al biologico

Parlando di alternative possibili al biologico, i suoi detrattori sostengono che “l’alternativa c’è ed è già in campo: è l’agricoltura integrata, degli imprenditori che innovano, che integrano tutti gli strumenti di protezione delle colture (agronomici, fisici, biologici, chimici) secondo uno schema razionale per produrre quanto più possibile con le risorse disponibili usate nel modo più efficiente possibile”.

Il metodo di produzione integrata non è però un metodo particolare adottato da un gruppo di agricoltori innovatori. La produzione integrata, in vigore dal 1 gennaio 2014, è il metodo di riferimento scelto dall’Unione Europea come standard per realizzare il livello minimo di sicurezza di utilizzo dei pesticidi in agricoltura, in seguito ai numerosi problemi causati dal loro uso eccessivo e irrazionale nell’agricoltura convenzionale. Ogni anno il Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo pubblica “Linee guida nazionali per la produzione integrata delle colture” in applicazione della Direttiva n. 128/09/UE relativa all’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Sulla base di queste linee tutti gli agricoltori, quelli più innovatori e quelli meno innovatori, sono obbligati ad adottare il metodo di produzione integrata.

Il biologico tiene conto dei costi non conteggiati (ambientali, sociali) ed è più produttivo in condizioni estreme

La lunga sperimentazione di enti di ricerca come quella dei Farming System Trials (FST) in corso da oltre 40 anni da parte del Rodale Institute negli USA ha evidenziato un netto incremento del carbonio organico nei terreni e un forte incremento della capacità del suolo di infiltrare acqua e mantenerla disponibile alla crescita delle piante nei periodi di siccità climatica. Oltre a mostrare come in confronti diretti non si riscontrino differenze significative di rese tra le gestioni convenzionali e quelle biologiche, si evidenzia che le seconde possano produrre addirittura rese maggiori (fino al 40 % in più) nelle annate in cui lo stress idrico in difetto e in eccesso (siccità o inondazioni) presenta i maggiori impatti e, quindi, come mostrino maggiore resistenza agli eventi estremi causati dai cambiamenti climatici. Le presunte maggiori emissioni dovute ad una più ampia superficie necessaria all’agricoltura biologica per la stessa quantità di prodotto della convenzionale, ottenute anche con deforestazione non tengono conto del calo di fertilità dei suoli coltivati con tecniche convenzionali, già pericolosamente in atto oggi. Nello stesso studio gli autori ammettono infatti che in suoli convenzionali intensivamente fertilizzati con concimi minerali le emissioni per ettaro sono comunque maggiori che in suoli condotti con regime biologico e che il loro rapporto non prende in considerazione tutti gli altri servizi ecosistemici il cui beneficio andrebbe calcolato separatamente.

Altri studi confermano che l’attuazione delle buone pratiche legate al biologico o biodinamico ha portato, in 18 anni, all’aumento della sostanza organica dall’1,7 al 6,1% fino alla profondità di 35 cm dei terreni considerati. Il risultato è stato ottenuto partendo da suoli prima gestiti in maniera convenzionale. In altre parole, se gli stessi termini di agricoltura conservativa, agricoltura biologica ecc. hanno il proprio significato, è perché rappresentano un itinerario di tipo rigenerativo che porta alla correzione di una situazione di partenza che, per definizione, è identificata come compromessa. Per questo, confrontare le gestioni convenzionale e biologica per verificare quale delle due sia migliore sotto il profilo ambientale e della rigenerazione dei suoli è come aver scambiato due corridori in una gara, mentre è certamente più corretto un approccio diverso, che veda i due sistemi non confrontabili sotto questi aspetti ma invece come un punto di partenza e quello di arrivo.

Leggi anche:
Carlo Petrini: Cambiare prospettiva per salvare agricoltura e ristorazione
Il Mater-Bi biodegradabile per la pacciamatura biologica
Agrivoltaico: combinare agricoltura e produzione di energia solare per sfruttare meglio terreni e risorse
Agricoltura urbana a Napoli

Elisa Poggiali

Elisa Poggiali

Ingegnere ambiente e territorio, membro del database 100 esperte.it nei settori S.T.E.M., si occupa di ambiente, tecnologia, innovazione e networking per la sostenibilità.

Potrebbe interessarti anche

Elisa Poggiali

Elisa Poggiali

Ingegnere ambiente e territorio, membro del database 100 esperte.it nei settori S.T.E.M., si occupa di ambiente, tecnologia, innovazione e networking per la sostenibilità.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy