Marche, la destinazione dell’anno (in bici)

Lonely Planet la incorona seconda al mondo per bellezze naturali e artistiche

Nominata da Lonely Planet Best in Travel 2020, al secondo posto tre le dieci migliori destinazione al mondo e unica italiana in classifica, le Marche devono salire sul podio delle destinazioni italiane anche per noi italiani, soprattutto quest’anno che si attende un forte calo del turismo internazionale a seguito della situazione Coronavirus: sostenere l’economia nostrana potrebbe essere un’ottima scelta per il Paese. 

Cultura&Sport

“Turismo di qualità e non di massa: il nostro obiettivo era diventare una destinazione di tendenza e i numeri delle presenze e i riconoscimenti dal pubblico ci stanno dando ragione”, ha detto Moreno Pieroni, assessore regionale al Turismo e Cultura.

Cultura ma anche sport, uno degli sport più belli in assoluto: la bicicletta. La app interattiva Marche Outdoor è il progetto di rinascita pensato come reazione al terremoto che ha colpito la zona nel 2016, e mette in rete la valorizzazione delle strade secondarie che nascondono chicche del paesaggio marchigiano, dal mare alla montagna, e che possono essere percorse in bicicletta da tutti i tipi di ciclisti, dai principianti ai più esperti.

La magia della bici

Testimonial d’eccezione è il campione del ciclismo mondiale Vincenzo Nibali che afferma: “La mia fuga sono le Marche, il paradiso del bike”. 24 i percorsi ciclabili – in continuo aumento e aggiornamento – collegati a innumerevoli eventi e manifestazioni, luoghi di interesse storico e culturale disseminati su tutto il territorio.

La filosofia di Marche Outdoor è promuovere un’economia del territorio sostenibile, proponendo la bicicletta come mezzo e non come “fine”, e facendo vivere al cicloturista tutte le emozioni che la regione può offrire, per circa 2.000 Km e 130 comuni interessati in tutta la regione Marche.

La rinascita

Il progetto si lega all’artista Michelangelo Pistoletto, che ha visto nella regione il luogo della “Rinascita” per l’Italia e il mondo, coniando il concetto di “Marche Rebirth” e associando il suo Terzo Paradiso, rappresentato da tre anelli concentrici, a vari percorsi di Marche Outdoor. “Far dialogare la natura e la bici, riportando equilibrio tra questi due elementi”, spiega Pistoletto. Con i percorsi simbolo del Terzo Paradiso, ognuno composto da tre anelli che partono dal mare e arrivano in montagna, si può scoprire tutto il territorio marchigiano. Uno di questi, che percorrere il senso longitudinale del Sibillini, è chiamato Sibillini Rebirth e vista l’altitudine è uno dei più impegnativi da attraversare ma al tempo stesso il più appassionante da scoprire. Alle rotte di Marche Rebirth si aggiungono altri itinerari, tra cui la Grande via del Parco dei Monti Sibillini, le vedute Feltresche e la salita del Pirata in ricordo di Marco Pantani.

Una modalità di scoperta e di viaggio a impatto zero ed ecosostenibile che permette al cicloturista, pedalata dopo pedalata, di vivere e assaporare le emozioni e i prodotti che il territorio marchigiano può offrire con le sue bellezze storico-artistiche, le sue biodiversità, colori e sapori diversificati ed un paesaggio naturale da sogno.

Leggi anche:
La bicicletta non inquina, è economica e produce ricchezza
Come non farsi rubare la bici: i consigli di un ladro
E-bike: guida all’acquisto “for dummies”
Dove parcheggio al sicuro la bicicletta? A Bologna c’è la velostazione Dynamo
Attraversare l’Africa in bicicletta: la Vueltecita
Colazione in bicicletta
10 film sulla bicicletta per riflettere sulla vita

Immagine di copertina: Armando Tondo

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy