Mascherine di comunità “fai-da-te”: le istruzioni dell’Istituto superiore di sanità

Le indicazioni per cucirle, indossarle e lavarle. Usate bene e costantemente aiutano a contrastare la diffusione del virus

Per contrastare la diffusione del nuovo coronavirus Sars-Cov-2, responsabile dell’epidemia Covid-19, possono essere utilizzate mascherine di comunità fatte in casa con materiali facilmente reperibili e a basso costo.

A dare indicazioni su come realizzarle, su come indossarle correttamente e su come lavarle è l’Istituto superiore di sanità (Iss), che ha adattato un documento del Centers for disease control and prevention statunitense (Cdc).

Usarle bene e costantemente

Sebbene non siano dispositivi medici, ma “semplici” misure igieniche, le mascherine di comunità autoprodotte vanno indossate, “come le altre mascherine, nei luoghi chiusi e in tutti gli altri contesti, anche all’aperto, quando è difficile mantenere il distanziamento sociale”, spiega l’Iss. “Se usate bene e costantemente, infatti, anche le mascherine di comunità aiutano a contrastare la diffusione del virus“.

Guarda l’infografica dell’Istituto superiore di sanità

Leggi anche:
Come scegliere e come sanificare le mascherine di comunità
Covid-19, mascherine “di comunità”: cosa sono, come si usano

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Potrebbe interessarti anche

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy