Maturità: via le tre buste, avanti con le prove scritte miste

Torna la prova scritta di Storia

La ministra Azzolina ha comunicato le novità per gli esami di maturità 2020: per le prove scritte come l’anno scorso al liceo classico traduzione in greco e analisi in latino, con contestualizzazione in italiano; per lo scientifico Matematica-Fisica,.

È obbligatoria a marzo la prova Invalsi e torna, a grande richiesta torna il tema di Storia.

Per quanto riguarda la prova orale sarà multidisciplinare e vengono eliminate le tre buste che facevano sembrare il colloquio un quiz televisivo – vuole la 1, la 2 o la 3?

L’esame inizierà il 17 giugno

Sul sito del Ministero dell’Istruzione è disponibile l’elenco completo delle materie che saranno oggetto della seconda prova scritta dell’esame che è fissata per il prossimo 18 giugno. Il secondo scritto sarà affidato al commissario esterno (anche per la Maturità 2020 le commissioni sono miste, metà interni e metà esterni).

La prova orale

Il colloquio sarà pluridisciplinare. Ciascuna commissione predisporrà, come spiegato dalla Ministra, i materiali di partenza da sottoporre agli studenti (potranno essere un testo, un documento, un’esperienza, un progetto, un problema). Il lavoro dei commissari si baserà su quanto studiato dai ‘maturandi’ nel loro percorso: farà fede il documento predisposto dai docenti di classe. Niente sorteggio fra le buste, dunque. Al momento dell’inizio della prova, la commissione sottoporrà uno spunto al candidato, che rappresenterà, comunque, solo un momento di avvio del colloquio.

Oltre 400mila studenti

Più precisamente sono 463.133 i ragazzi/e che stanno frequentando il quinto anno di scuola superiore, poi qualcuno non sarà ammesso agli esami ma il numero di chi il 17 luglio si siederà dietro un banco ad affrontare la prima prova non sarà troppo diverso.

Di questi oltre 294mila sono liceali, quasi 190mila frequentano gli istituti tecnici e oltre 99mila gli istituti professionali.  

Buona maturità a tutti!

Vedi anche:
TrashTeam, studenti in mostra per denunciare il degrado ligure
Abbandono scolastico: in vent’anni 3,5 milioni di studenti hanno lasciato gli studi

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Potrebbe interessarti anche

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy