Milano si sveglia con un murales antirazzista

Un messaggio di solidarietà con il movimento antirazzista Usa ma anche un riferimento alle nostre politiche

Piazza Gramsci, in centro a Milano, si è svegliata stamani con un murales colorato sulla pavimentazione centrale, portato a termine nella notte dagli attivisti di 6000 Sardine. “Una rivisitazione in chiave più strettamente italiana del movimento Black Lives Matter americano”, ci spiega Giuliano, che ha lavorato assieme a molti altri attivisti per terminare un’opera d’arte che richiama i principi universali dell’uguaglianza e della non violenza, autorizzata naturalmente dal Comune, anche perché provvisoria, ma finita comunque nelle polemiche delle forze di destra.

Human Black Migrant Lives Matter

La scritta del murales è “HUMAN BLACK MIGRANT LIVES MATTER”: ovvero le vite degli esseri umani, compresi neri e migranti, hanno importanza. Un messaggio che, come l’originale, colpisce perché profondamente banale eppure allo stesso tempo dimenticato e necessario.

Il messaggio

“Durante la notte decine di volontari hanno imbracciato rullo e pennello per lanciare un forte messaggio di antirazzismo e solidarietà – recita il comunicato diffuso dalle Sardine -. Con questo gesto Milano abbraccia le voci di milioni di persone in tutto il mondo che reclamano uguaglianza e giustizia sociale. Il punto di partenza, nel nostro Paese, deve essere l’abrogazione dei decreti sicurezzatra l’altro appena dichiarati incostituzionali dalla Corte Costituzionale – che continuano a perpetrare assurde politiche discriminatorie nei confronti di esseri umani in fuga da guerra, fame e miseria.

Il sostegno di Milano al mondo

Questa iniziativa di 6000 Sardine Milano è stata realizzata grazie al supporto ed al sostegno del Municipio 8, in particolare dell’Assessora ai Diritti Giulia Pelucchi, la quale ci ha tenuto a dichiarare che “gli amministratori devono prendere posizione. Noi lo abbiamo fatto. I diritti di tutte e di tutti vanno tutelati. Sono piccoli gesti ma ricchi di significato. Il Municipio 8 ha scelto da che parte stare”.

La nostra lotta è il Mediterraneo

L’Assessore alle Politiche Giovanili, Paolo Romano ha aggiunto: “Per tanti di noi che sarebbero voluti partire per l’America e scendere pacificamente in strada, poter dipingere questa piazza significa fare anche nostra questa battaglia e ricordare che il razzismo esiste in Italia, anche a Milano, a partire dalle storie di chi ha attraversato il Mediterraneo”.

Più sensibilità

Noi Sardine milanesi ci auguriamo che questo sia l’inizio di un proficuo percorso di sensibilizzazione che unisca politica e associazioni in un impegno concreto e duraturo per fare delle differenze culturali, etniche, di genere e religiose la ricchezza di una società aperta, pacifica e multicolore.
Cordiali saluti.

Leggi anche: Corte Costituzionale: decreto sicurezza di Salvini è discriminatorio Sei anche tu una sardina? Proteste per George Floyd, anche Roma è da brividi Elezioni Usa, Mr Kardashian tira l’assist a Trump

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy