Modelli di economia circolare per arrivare a “Zero waste”

Verso il “Rifiuti zero” e la dismissione graduale degli impianti di termovalorizzazione (e delle discariche)

Una parte dei rifiuti oggi non è riciclabile e non viene recuperata per motivi tecnici, ma anche per motivi normativi o di modelli di gestione non avviati o non adeguati.

Un’altra parte di rifiuti deriva anche dalla lavorazione delle diverse sezioni della differenziata (carta, plastica, metallo, vetro): c’è una parte di scarti che a oggi non è riciclabile.

La prima cosa che viene in mente è la plastica di basso pregio, ovvero il monouso, che non è riciclabile né recuperabile, ed è per questo che l’Unione europea si è mossa da tempo con azioni specifiche per la plastica, ma non solo: vi sono altre tipologie di rifiuti urbani che non vengono a oggi sufficientemente differenziati. Per questo motivo dunque l’UE si è mossa anche per incrementare la biocircolarità di tutti i rifiuti urbani (Vedi Direttive UE Pacchetto economia circolare).

L’economia circolare può dare una grossa mano all’incremento delle quote riciclabili e recuperabili: le tecnologie che si muovono in queste direzioni, soprattutto in ambito industriale, daranno una grossa spinta all’obiettivo “rifiuti zero”. Chi produce non può più non considerare l’intero ciclo di vita del prodotto e non può più non assumersi la responsabilità del fine vita.

I divieti di utilizzo della plastica monouso, come nelle iniziative che stanno prendendo piede in tante parti di Italia, sono lodevoli e necessarie ma serve un cambiamento globale all’origine, alla produzione, con prodotti e beni pensati e progettati per essere riciclabili o recuperabili: il design for recycling.

Per tutte queste ragioni a oggi gli impianti – che con i sistemi attuali, in un ciclo di gestione del rifiuto avanzato e moderno, potrebbero arrivare a quote molto alte, ma non ancora pari al 100% – non possono cessare improvvisamente di esistere.

L’economia circolare però deve essere vista come una “stella cometa”, come direzione da seguire senza dogmi, ma anche senza pregiudizi. Un paradigma che eviti gli approcci apocalittici (saremo sepolti dai rifiuti), sia eccessivamente utopistici (i rifiuti spariranno in breve).

Chi ci governa – a tutti i livelli – è sempre più spesso impaurito dal conflitto o dai cambiamenti rapidi di rotta. Fare economia circolare oggi significa fare più impianti per il riciclo (digestori anaerobici, compostaggio, riciclo, piattaforme TMB), ma anche avere gli impianti a cui destinare gli scarti del riciclo e i rifiuti non riciclabili finché non si sarà in grado di smettere di produrre tutto ciò che non è circolare (termovalorizzatori).

Fare in modo, al contempo, che gli impianti di termovalorizzazione siano sempre più monitorati e controllati, che le procedure di gestione siano funzionali a garantire il minimo livello di emissioni nocive possibile, e che vengano ridotti e gestiti in maniera ottimale i casi malfunzionamento degli impianti.

E far sì che “economia circolare” oggi voglia dire sempre più rifiuti zero (con tutte le azioni possibili messe in campo dall’ente pubblico gestore del sistema, vedi articolo Comuni verso il “Rifiuti zero”) e che voglia dire anche coinvolgere sempre più “fette” di industria: cartiere, acciaierie, vetrerie, manifattura per la plastica, i tessuti, i materiali da costruzione, l’automotive, la cosmetica, l’agroalimentare, le bioraffinerie.

Il percorso verso lo zero rifiuti va avviato e sostenuto a livello globale da norme che favoriscano e non blocchino il riciclo e il recupero, come per alcune tipologie di rifiuto oggi accade, e a livello locale da percorsi di gestione del ciclo verso il modello Rifiuti zero.

Andrebbe sostenuto a tutti i livelli il design for recycling: alla base della progettazione e riprogettazione di ogni nuovo bene di consumo. Design for recycling, raccolta differenziata, riuso, recupero, compostaggio, trattamenti selettivi pre-incenerimento a monte, gestione dei sottoprodotti solidi post termovalorizzazione, ecc.: tutto deve concorrere al fine di azzerare la produzione di rifiuti e a rendere inutili i termovalorizzatori e, a maggior ragione, le discariche.  Perché di questi impianti, non se ne debbano costruire di nuovi, e si possa arrivare a portare gli esistenti via via a dismissione.

Immagine di copertina: Foto di annca da Pixabay

Elisa Poggiali

Elisa Poggiali

Ingegnere ambiente e territorio, membro del database 100 esperte.it nei settori S.T.E.M., si occupa di ambiente, tecnologia, innovazione e networking per la sostenibilità.

Elisa Poggiali

Elisa Poggiali

Ingegnere ambiente e territorio, membro del database 100 esperte.it nei settori S.T.E.M., si occupa di ambiente, tecnologia, innovazione e networking per la sostenibilità.