Monopattini elettrici: ora la norma c’è. Via libera alla sperimentazione

Leggeri agili ed economici. Anche l’Italia finalmente dà l’ok ufficiale alla sperimentazione

Da poco Ford ha acquisito Spin, un’azienda che produce monopattini elettrici e gestisce un servizio di sharing senza basi fisse in 9 città e americane e campus universitari. https://www.agi.it/economia/mobilita_monopattini_elettrici_ford-4612024/news/2018-11-13/ .

Volvo Car Italia include una ebike pieghevole e un monopattino elettrico nelle formule del servizio in abbonamento “Care by Volvo”. https://volvocaritalia.carebyvolvo.it  Secondo dati Legambiente, in Italia sono stati stati venduti circa 45mila monopattini elettrici nel solo 2017.

E’in corso una vera rivoluzione per la mobilità alternativa. Purtroppo però in Italia si procede lentamente e il motivo è che finora è mancata una legge. Il Codice della Strada ignora i monopattini elettrici e soltanto ora un emendamento alla manovra permette di avviare ufficialmente le sperimentazioni dei servizi di sharing.

Leggeri, agili, economici: i monopattini elettrici piacciono a tutti!

I vantaggi di spostarsi su un mezzo alternativo o complementare sono evidenti e molteplici, in particolare se correliamo il monopattino elettrico come soluzione nel cosiddetto ultimo miglio, quando le persone scendono da altri mezzi di trasporto e si ritrovano in stazioni ferroviarie, parcheggi di interscambio e aree simili con la necessità di dover arrivare a destinazione – ufficio, casa, fabbrica – in maniera rapida, economica ed ecologica. Sono mezzi leggeri, pesano meno di 12 chili, raggiungono al massimo i 25 chilometri all’ora, hanno un’autonomia di circa 30 chilometri e sono economici. Ovviamente richiedono una certa abilità o abitudine di utilizzo e non consentono di portare borse pesanti o pacchi, ma nelle grandi città in cui il tragitto casa-lavoro è spesso un’odissea potrebbero essere una valida alternativa.

Lo dimostra il fatto che, nonostante la mancanza di un quadro normativo che autorizza le sperimentazioni, queste siano partite ugualmente. Basti pensare a Milano, dove la startup Usa di sharing Helbiz si è attivata e ha raccolto l’entusiasmo di moltissimi cittadini, che hanno subito scaricato l’app e provato il servizio. Intanto però a Palazzo Marino erano rimasti in attesa che dal ministero dei Trasporti arrivasse un’omologazione dei monopattini pensati per circolare sulle strade cittadine e hanno dovuto fermare il bando di affidamento del servizio.

Le grandi città del mondo hanno già servizi di noleggio attivi

Di società che potrebbero produrre o gestire un servizio simile ne esistono molte, il settore è in fermento. Due anni fa negli Stati Uniti sono nate le 3 start up Lime, Bird e Spin. La prima oggi è presente anche in 6 città europee, la seconda è presente anche a Parigi, Vienna, Bruxelles, Zurigo, Tel Aviv e Città Del Messico (forse presto anche in Italia), mentre Spin per ora è presente solo negli Usa. Si scarica un’app, ci si registra, si paga tutto online e, volendo, arriva a casa anche un casco (non obbligatorio comunque). Noleggiare un monopattino elettrico costa 15-20 centesimi al minuto, più una cifra fissa a noleggio (un euro circa).

Negli Usa, Lime, Uber e Lyft hanno offerto corse gratuite o a tariffa agevolata sui monopattini elettrici a chi il 6 novembre si è recato alle urne e ha così goduto di un’alternativa al solito percorso cittadino tra traffico e smog.

In Italia arriva solo adesso la regolamentazione normativa tanto attesa

Questo nuovo impulso alla micromobilità sembra molto vantaggioso e molto ecofriendly, per giunta il 40% degli italiani sarebbe interessato a provare quest’alternativa (sondaggio Lorien Consulting – Legambiente). Incentivare la micromobilità in Italia (o quanto meno non penalizzarla) aiuterebbe a ridurre l’inquinamento nelle nostre città, ma finora – incredibile ma vero – a mancare è stato un quadro normativo chiaro. Il nostro codice della strada non fa riferimento ai monopattini elettrici e la storia si è fermata.

Ora però un emendamento alla manovra, approvato in commissione Bilancio alla Camera, dà il via libera alla “sperimentazione nelle città della circolazione su strada di veicoli di mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica come segway, hoverboard e monopattini”. Manca ora il decreto del ministro dei Trasporti che delinei le regole attuative e tutti gli strumenti che renderanno concreta la sperimentazione.

Luciano Nobili (Pd), che ha proposto l’emendamento, in realtà ammette già che avremmo potuto fare di più: la sperimentazione è necessaria per rendersi conto di quali mezzi siano adeguati e per fissare dei limiti (ora ad esempio occorre indossare un casco), ma intanto avremmo potuto investire 25 milioni l’anno dal 2019 al 2023 che alla fine non sono stati destinati a questa microrivoluzione (https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-12-04/manovra-autorizzata-sperimentazione-citta-segway-hoverboard-e-monopattini-193425.shtml?uuid=AEPXE3sG)

Immagine di Armando Tondo

Anna Tita Gallo

Anna Tita Gallo

Giornalista pubblicista e content manager. Scrive di comunicazione, Web, marketing, pubblicità, green economy, cronaca ambientale.

commenta

Anna Tita Gallo

Anna Tita Gallo

Giornalista pubblicista e content manager. Scrive di comunicazione, Web, marketing, pubblicità, green economy, cronaca ambientale.