Monopattino elettrico quanto inquina

Monopattino elettrico: qual è il suo reale impatto ambientale?

Come capire se una tecnologia è più ecologica di un’altra

Negli ultimi mesi, in molte grandi città italiane, sono apparsi i primi monopattini elettrici, anche grazie all’introduzione di nuovi servizi di noleggio.

Questo nuovo mezzo di trasporto, regala la possibilità di muoversi comodamente su 2 ruote grazie all’elettricità, che, come sappiamo, è normalmente meno inquinante della benzina o di altri combustibili fossili.

Come sempre, quando si parla di impatto ambientale, prima di dire se una particolare tecnologia è più ecologica di un’altra, dobbiamo provare a rispondere a qualche domanda:

  • Esiste un tipo di inquinamento nascosto generato dai monopattini elettrici? Per esempio, durante la loro produzione o mentre sono alimentati con l’elettricità?
  • Quali sono i reali benefici aggiuntivi che derivano dal loro utilizzo rispetto ad altre tecnologie già esistenti?
  • Quanto dura un monopattino elettrico? Come viene riciclato alla fine del suo ciclo di vita?
  • Rispetto ad altri mezzi di trasporto già esistenti, i monopattini elettrici sono più ecologici?

Il dibattito su quale sia il mezzo di trasporto più ecologico è stato molto controverso, soprattutto negli ultimi anni, con la recente crescita della quota di mercato globale delle auto elettriche.

Alcuni accusano le auto elettriche di essere in realtà più inquinanti delle convenzionali auto a combustibile fossile, puntando il dito contro la produzione e il mancato riciclaggio delle batterie agli ioni di litio. Altri si concentrano invece sulla produzione di elettricità che principalmente avviene attraverso fonti inquinanti come petrolio e carbone.

Molti esperti affermano che l’auto elettrica è più ecologica perché riduce le emissioni durante la fase di utilizzo, soprattutto se la rete elettrica è basata su energie rinnovabili. Oggi, con il moltiplicarsi degli studi scientifici sull’argomento, siamo quasi certi che l’auto elettrica è più rispettosa dell’ambiente rispetto quella a gasolio o benzina.

Tali considerazioni per i monopattini elettrici sono più complicate da farsi, poiché il fenomeno è piuttosto recente e poche sono ad oggi le ricerche che hanno fatto luce su questo aspetto.

Il ciclo di vita

Come per tutti i mezzi di trasporto, se si vuole misurare l’impatto ambientale, è necessario analizzare le 4 fasi principali del ciclo di vita del monopattino elettrico.

Le prime 2 sono le fasi di costruzione del monopattino e la fase di produzione dell’energia, cioè quanto è inquinante l’energia che permette di guidare tale veicolo. Poi bisogna analizzare la fase di utilizzo del monopattino, cioè quando viene guidato, la fase di manutenzione, e la fine della vita del veicolo, cioè come viene mantenuto e riciclato o come viene rottamato quando non funziona più. In ognuna di queste fasi, ci sono diversi impatti ambientali.

Nella fase di produzione, dobbiamo tenere conto di tutta l’energia consumata per estrarre le materie prime, trasformarle e assemblarle. Questa fase merita particolare attenzione, poiché come per tutti i dispositivi elettronici, bisogna considerare la batteria, che è il componente più inquinante.

Per quanto riguarda la fase di produzione dell’energia, anche in questo caso, i monopattini elettrici hanno problemi simili a quelli delle auto elettriche. Se l’elettricità è prodotta in modo ecologico (energia rinnovabile o decarbonata), allora l’impatto ambientale di questa fase sarà minore. D’altra parte, se è prodotta da combustibili fossili che bruciano (come il carbone, il petrolio o il gas), l’impatto ecologico e soprattutto la quantità di gas serra rilasciati, aumenta.

Successivamente, si guarda alla fase di utilizzo, che è cruciale, poiché è quella dove tali veicoli ottengono un reale vantaggio sui mezzi di trasporto a combustibile fossile. Infatti, durante la guida, i veicoli elettrici non emettono CO2 o altre sostanze inquinanti.

Un altro aspetto importante è rappresentato dal riciclaggio, poiché i monopattini elettrici sono fatti di materiali particolari e potenzialmente inquinanti, menzione speciale va fatta per le batterie ricaricabili, l’elemento più complesso da smaltire al momento.

Quando il monopattino e davvero ecologico

Possiamo affermare come il monopattino elettrico sia un mezzo di trasporto ecologico, solo nella misura in cui venga utilizzato in sostituzione dell’auto e per almeno 2 anni (macinando molti chilometri). Solo così, infatti, si potrà ridurre l’attuale impatto che ha la produzione (pari al 50%) sull’impronta di carbonio dell’intero ciclo di vita di un monopattino elettrico.

Nella maggior parte dei casi, purtroppo, l’utilizzo di un monopattino elettrico non sostituisce l’alternativa più inquinante. A quanto pare, coloro che generalmente viaggiano in auto, non rinunciano ai loro veicoli e non li sostituiscono con i monopattini elettrici; inoltre, esistono già alternative migliori per percorrere lunghe distanze, come il trasporto pubblico o la bicicletta.

La realtà racconta che molte volte i monopattini elettrici sostituiscono altri mezzi di trasporto più ecologici, come la bicicletta, le passeggiate a piedi, gli autobus o le metropolitane; e poiché emettono più CO2 di queste diverse modalità di trasporto, i monopattini elettrici tendono oggi ad aumentare la Carbon footprint globale.

In sintesi, i monopattini elettrici sono ecologicamente rilevanti solo quando sostituiscono mezzi di trasporto più inquinanti come le automobili, uno scenario ad oggi molto improbabile, considerando anche le infrastrutture delle nostre città.

Se vogliamo che i monopattini elettrici si inseriscano realmente in un sistema di mobilità e di trasporto sostenibile, dobbiamo prima di tutto allungare la loro durata e utilizzarli in modo coscienzioso e attento affinché durino più a lungo.

Non acquistiamo un monopattino elettrico se intendiamo usarlo per sostituire i viaggi che già facciamo con i mezzi pubblici, gli spostamenti a piedi o la bicicletta.

Esistono probabilmente alcuni scenari in cui può avere un senso utilizzare i monopattini elettrici, soprattutto per le persone che utilizzano diversi mezzi di trasporto per arrivare a destinazione, ma questo certo non è il caso della maggior parte degli utenti. In uno scenario in cui il trasporto pubblico funziona in modo efficiente ed è il metodo principale di muoversi in una città che non privilegia le auto, l’uso dei monopattini elettrici può avere un senso.

Ad oggi, la maggior parte delle città italiane è ancora orientata all’auto, anche se qualche segnale incoraggiante è già arrivato, facendo capire che c’è la volontà da parte delle istituzioni di cambiare in fretta le cose.

Leggi anche:
Parola d’ordine: micro mobilità
Bici contromano e “case” per ciclisti. Regole anche per i monopattini
Marche, la destinazione dell’anno (in bici)

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Potrebbe interessarti anche

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy