Morti vere per farmaci falsi

Il traffico di farmaci contraffatti ha conseguenze drammatiche in tutto il mondo, anche in Europa

Farmaci contraffatti: un business migliore dell’eroina

Il business delle droghe contraffatte è un commercio con profitti enormi. Mentre per $ 1.000 investiti il traffico di eroina produce una media di $ 20.000 di guadagno, lo stesso investimento nella falsificazione di un “blockbuster” di farmaco secondo l’Iracm (Istituto di Ricerca AntiContraffazione dei Medicinali) produce un profitto di da $ 250.000 a $ 450.000, fino a oltre 20 volte di più del traffico di eroina. Non solo più lucrativo dei narcotici, ma anche particolarmente meno rischioso in termini di possibili conseguenze penali. «Il rapporto tra investimento, rendimento e rischio è fenomenale. Ecco perché questo traffico è in crescita, afferma Bernard Leroy, direttore di Iracm. Nonostante i pericoli per la salute pubblica, il traffico di farmaci contraffatti non entra nel campo del narcotraffico. I farmaci contraffatti sono soggetti alle norme sulla contraffazione dei prodotti. Ma la contraffazione dei medicinali, poiché riguarda la salute umana, dovrebbe essere punita molto più severamente delle falsificazione delle borse Louis Vuitton. «Ecco che si spiega come mai il principale cartello della droga messicano sarebbe anche interessato a convertirsi verso la produzione e il commercio farmaci falsi”.

100.000 morti all’anno solo in Africa

Uno su dieci farmaci venduti in tutto il mondo è un falso, dice l’OMS (organizzazione Mondiale della Sanità). In alcuni Paesi, questa cifra può raggiungere anche sette farmaci su dieci, in particolare in Africa, dove ogni anno muoiono 100.000 persone a causa dell’uso di farmaci contraffatti.

Che cosa rappresenta questa produzione illegale in relazione al volume della produzione farmaceutica globale? Secondo Bernard Leroy (Iracm), «la produzione legale ammonta a 1 trilione di dollari mentre le medicine false rappresentano tra 70 e 200 miliardi di dollari nel mondo». La maggior parte della produzione di falsi è concentrata in Cina e India, due paesi che producono anche materie prime e ingredienti attivi di molti farmaci commercializzati nei paesi occidentali. «In Pakistan, la produzione avviene nei cortili. In Cina è nel settore legale che produce la materia prima per tutto il mondo che si concentra il traffico illegale” spiega il direttore di Iracm.

Oltre alla contraffazione ci sono poi a volte problemi nello stoccaggio edistribuzione dei farmaci. Secondo Bernard Leroy, «i contenitori di medicinali provenienti dalla Cina sono talvolta conservati in Africa. A volte, per ottenere una tangente prima di far rilasciare il carico di medicinali, l’ufficiale della dogana lascia i contenitori sotto il sole. All’interno, la temperatura può salire fino a 80 gradi. Questo riattiva automaticamente i ceppi di vaccino.»

In Benin, il presidente Patrice Talon, in carica da aprile 2016, sta combattendo una feroce battaglia contro le medicine contraffatte. Al 32esimo summit dell’Unione Africana ad Addis Abeba, il 10 febbraio, i paesi membri hanno adottato il trattato che istituisce l’Agenzia africana dei medicinali per combattere la proliferazione delle medicine false. «Stiamo sviluppando sistemi di contrasto al traffico criminale di farmaci ma questo sta avvenendo troppo lentamente, dice Bernard Leroy. Ci deve essere un’azione forte anche da parte del G7 e in particolare del G20».

I farmaci falsi in Europa

In Europa il problema della falsificazione è di natura diversa. Le imitazioni dei prodotti hanno raggiunto un tale livello di sofisticazione che a volte è impossibile distinguere il vero dal falso ad occhio nudo. Fortunatamente i consumatori sono protetti da un sistema di distribuzione nelle farmacie che finora si è dimostrato sicuro. «I farmaci più falsificati sono i prodotti contro disfunzione erettile, dimagrimento, anabolizzanti. Viaggiano attraverso due canali: aree di transito, come porti o aeroporti, e Internet.»

L’operazione “Pangea“, avviata dall’Interpol e dall’Organizzazione mondiale delle dogane, è il principale sforzo coordinato a livello internazionale per combattere il traffico di prodotti sanitari illegali. Nell’ultimo anno ha reso possibile identificare 116 siti di rivendita illegale.

L’operazione europea Mismed è stata lanciata nel 2017 in seguito alla scoperta del traffico di Subutex (un farmaco usato per combattere le dipendenze da droga) tra Francia e Finlandia. L’operazione Mismed combatte anche la piaga dei “medicinali usati in modo improprio”. Molte droghe legali, come Subutex, sono dirottate dal loro uso e quindi rivendute a fini psicotropi.  Secondo il direttore di Mismed, Jacques Diacono «le indagini hanno dimostrato che il problema dei farmaci contraffatti è sempre più importante in Europa. Alcuni prodotti hanno l’aspetto dell’imballaggio corretto ma non lo sono. Quasi la metà delle medicine sequestrate sul suolo europeo contraffatte hanno l’aspetto del prodotto legale. Attraverso questa operazione, i vari servizi europei hanno condotto 43 indagini giudiziarie e arrestato 24 gruppi criminali organizzati nei 16 paesi partecipanti.»

L’Europa approva Datamatrix per combattere i falsi. In Italia solo dal 2025

Un codice a barre per ogni farmaco venduto. Questa è la misura presa per combattere la recrudescenza delle medicine contraffatte in Europa. Entrato in vigore il 9 febbraio, questo dispositivo di serializzazione dà seguito ad una direttiva europea approvata nel 2011. Chiamato “Datamatrix”, il nuovo pittogramma in bianco e nero non è solo un codice a barre. E una vera carta d’identità per il farmaco, ora presente su ogni confezione di medicinali venduti in Europa. Il numero è una sequenza di 20 caratteri alfanumerici. Verificherà che la scatola è libera da ogni manipolazione. Una volta scansionato, l’imballaggio e i suoi dati vengono controllati in tempo reale su un database europeo. Oltre a questo numero di serie, ogni confezione sarà dotata di un dispositivo antimanomissione: un anello di cartone che garantirà al consumatore che il farmaco non è stato aperto. L’obiettivo di questa misura è combattere il traffico di medicinali falsificati nella catena di approvvigionamento legale. Ma anche per rafforzare il circuito di distribuzione dei farmaci per rintracciare e localizzare il falso.

Il Governo italiano ha chiesto e ottenuto l’introduzione nel nostro Paese di Datamatrix solo dal 2025 poiché da noi esiste già un sistema di tracciatura (il bollino autoadesivo), sebbene le organizzazioni delle case farmaceutiche auspicassero l’immediata introduzione anche da noi di Datamatrix.

Fonti:
liberation.fr
iracm.com
who.int
europol.europa.eu

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

commenta

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.