Nasce in Francia Radio Riace International

Nasce in Francia Radio Riace International

Si propone di diffondere la conoscenza del modello Riace a livello internazionale

A volte la censura ha un effetto boomerang: ciò che si vorrebbe sopprimere trova nuova visibilità proprio a causa della censura stessa. E’ il caso di Riace, di cui ci siamo già occupati.

Il Sindaco Domenico Lucano si vede offrire solidarietà e appoggio in tantissime parti d’Italia, da Napoli a Milano, dove il Sindaco Sala nell’incontro con Lucano organizzato a Palazzo Marino in Sala Alessi, davanti alla sala stracolma ha detto: “Se fossi stato al suo posto avrei fatto le stesse cose che ha fatto lui”.

Ora la solidarietà a Riace supera i confini nazionali. In Francia è nata da qualche giorno Radio Riace International, una web radio che parla dell’esperienza di Riace, trasmette musica e contributi in francese, italiano e inglese due ore al giorno.
Qui di seguito la traduzione della presentazione di questa iniziativa estratta da www.telerama.fr

Accusato di aiuti all’immigrazione clandestina per la sua accoglienza di rifugiati, al Sindaco del villaggio Domenico Lucano è vietato vivere nel proprio comune. Riuniti attorno al cugino parigino, giornalisti e artisti del suono hanno lanciato a Parigi una radio di supporto.

Nelle scorse settimane un piccolo villaggio calabrese, nell’estremo sud dell’Italia, ha cristallizzato contro di sé attacchi xenofobi. Arrestato ai primi di ottobre con l’accusa di “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”, il sindaco della città, Domenico Lucano, è stato finalmente rilasciato dagli arresti domiciliari ma bandito dalla sua città.

La storia inizia nel 1998, quando Domenico Lucano (non ancora sindaco, sarà eletto nel 2004), decide di accogliere i curdi bloccati su una spiaggia vicino al villaggio. Con loro e gli abitanti di Riace, rinnova le case vuote della città, abbandonata da molti andati nel nord Italia o emigrati all’estero, in America in particolare. Dalla sua elezione, e attraverso la sua associazione, il Sindaco ha sviluppato una politica di accoglienza nei confronti degli esuli: affittare case per pochi euro simbolici, mestieri di apprendistato, scolarizzazione di bambini…

A poco a poco, Riace si è ripopolata, con negozi che offrono tra l’altro ricami, ceramiche e prodotti eco-compatibili. Tutto a dispetto dei sussidi drasticamente ridotti negli ultimi due anni. Il Ministero degli Interni italiano ha dato un colpo a questo modello di integrazione nei giorni scorsi, non solo tagliando i fondi, ma ordinando il trasferimento di emigranti a centri di accoglienza … prima di tornare indietro per affrontare le accuse di deportazione , precisando che le partenze sarebbero state fatte su base volontaria…

Rosaria Lucano, cugina di primo grado di Domenico Lucano, dal ventesimo arrondissement di Parigi, dove vive, guarda con preoccupazione gli ultimi eventi. “Queste persone vivono a Riace da anni. Hanno un lavoro, i loro figli vanno a scuola, parlano italiano e persino calabrese! Con loro, la vita è tornata in questo villaggio che era quasi morto. È un peccato ridurli a uno status di esuli senza fissa dimora.”
Sorride quando ci ricorda la lunga storia dell’immigrazione sulla costa calabrese, una costa che nei secoli è stata sempre oggetto di sbarchi e di mescolanza tra popoli diversi: “Immagina che in alcuni villaggi si parla ancora una forma di antico greco! “

Sotto la guida di Marc Jacquin, direttore dell’associazione di creazione di radio Phonurgia Nova, è stata lanciata una webradio sotto il nome di Radio Riace International. Per due ore al giorno, giornalisti e artisti del suono trasmettono rapporti, traducono testi italiani e racconti sull’esilio e l’integrazione. “Continueremo fino a quando Riace non sarà confermata nei suoi diritti democratici”, afferma Marc Jacquin. “Dobbiamo sostenere collettivamente questo villaggio, che lontano dalle teorie astratte sull’integrazione, ci offre una realtà esemplare di solidarietà che dura da trent’anni… Perché non applicare questo modello nelle nostre campagne?!”

Radio Riace International ha ricevuto la sponsorizzazione dall’ex ministro della cultura Jack Lang, che ha inaugurato l’antenna in un’intervista.

Emergenza umanitaria? Disperati che sbarcavano hanno incontrato noi, altri disperati come loro. Assieme abbiamo dimostrato che un’altra umanità è possibile
Mimmo Lucano

Fonti:
https://www.telerama.fr/
http://www.phonurgia.org/
http://mixlr.com/radioriaceinternational/
https://www.facebook.com/radioriaceinternational/

Fonte immagine copertina: Tpi

Commenta con Facebook
Bruno Patierno

Bruno Patierno

Project Manager di People For Planet

commenta

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Project Manager di People For Planet