Natale senza glitter per diminuire le microplastiche

Natale senza glitter per diminuire le microplastiche

La decisione storica di uno dei colossi britannici con negozi in tutto il mondo

Natale opaco e senza glitter quest’anno. Una delle più grandi catene inglesi di vendita al dettaglio e online, la Mark & Spencer ha deciso di eliminare ogni singola presenza di glitter ( i brillantini) dalle decorazioni dei negozi, dai prodotti e dagli impacchi natalizi. Combattere le microplastiche e incoraggiare i consumatori al riciclaggio? Lo stanno facendo bene.
I glitter contengono microplastiche, particelle piccolissime di plastica non riciclabile che vengono trasportate dal vento e dalle correnti e finiscono in ogni parte del mondo, dai mari alle vette delle montagne, fino agli stomaci di pesci (che a causa di questa dieta a base di plastica non crescono), animali ed esseri umani. In un’università australiana è stato calcolato che ogni settimana ingeriamo 5 grammi di microplastica con acqua e cibi. Come mangiare una carta di credito. Le iniziative e petizioni in attivo sono tantissime, ma la strada è ancora lunga.

Fondata a Leeds nel 1884 da Michael Marks e Thomas Spencer, più che una catena di negozi, la Marks & Spencerè un colosso: multinazionale britannica con sede a Londra, quotata nella Borsa di Londra nell’indice FTSE 100, la prima compagnia legata alla vendita dettaglio ad avere ottenuto già nel 1998 un risultato ante imposte superiore a 1 miliardo di sterline. Specializzata nella vendita al dettaglio di prodotti per l’abbigliamento, accessori e alimentari di lusso, la Marks & Spencer plc, meglio conosciuta come M&S, ha 852 negozi nel Regno Unito, 52 in India, 48 in Egitto, 37 in Russia, 27 in Grecia, 17 in Irlanda, 14 in Francia, 11 in Polonia, 6 in Finlandia e Ungheria e 5 in Spagna.

L’azienda inglese non è però l’unica a essersi impegnata a eliminare l’uso dei glitter dai loro prodotti. Waitrose, una delle più importanti catene di supermercati britannici, ufficialmente ha dichiarato che metterà al bando i glitter a partire dal Natale 2020, sostituendoli con alternative biodegradabili. Nella stessa direzione si sta muovendo Aldi, catena internazionale di supermarket con punti vendita presenti anche in Italia.

Leggi anche:
Se fai l’albero di Natale a settembre sei più felice
La tregua di Natale
Decoriamo il Natale dando una seconda vita ai nostri rifiuti

Stela Xhunga

Stela Xhunga

Potrebbe interessarti anche

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy