Nel sangue dei centenari il segreto della longevità

Gli scienziati non escludono l’arrivo di una pillola

Un prestigioso studio comparso sulla rivista Pnas per la prima volta ha messo a confronto il sangue dei centenari, scoprendo una cosa che hanno in comune e capace di spiegare perché – se esiste un perché e non un insieme di fattori – solo alcune persone vivono a lungo o molto a lungo. Lo studio, condotto in Giappone da un team che comprende l’italiano Piero Carninci, si è focalizzato sui super centenari in buona salute, ancora attivi e senza esperienza di tumori o gravi infezioni.

Pare che il segreto stia in una quantità insolitamente grande di cellule immunitarie nel sangue di uomini e donne centenari.

I ricercatori confidano che proseguendo nelle analisi si possa arrivare a una terapie che aumenti il numero di ultra centenari, con una sorta di pillola capace di tenere lontani tumori e gravi malattie.

Se riusciamo a trovare il legame tra il sistema immunitario e l’invecchiamento e la longevità, potremmo essere in grado di contribuire a prolungare le aspettative di vita in buona salute“, ha detto l’autore principale dello studio,  Kosuke Hashimoto. Nel frattempo, ricordiamo che l’amore e l’amicizia sono considerate al momento il più potente elisir di lunga vita.

Leggi anche:
Nelle acque europee vive uno squalo che campa 500 anni
Il segreto per vivere bene fino a cent’anni? Amore e amicizie
Sentirsi 65 anni di età: in Giappone accade a 76 anni, in Papua Nuova Guinea a 46

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista scientifica appassionata di ambiente

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista scientifica appassionata di ambiente